fbpx

Rinnovabili, allarme delle associazioni: “Fer2 rischia di affossare il settore”

Il coordinamento Free chiede di rivedere il decreto del Governo che dovrebbe finanziare le tecnologie rinnovabili innovative. "Eolico floating a rischio scomparsa"

“Il FER2, che attendiamo da oltre tre anni, se rimane nella versione licenziata dal MITE e dal MIPAFF che è stata fatta circolare in questi giorni, non permetteranno al settore delle rinnovabili di definire importanti investimenti e prospettive di sviluppo per il futuro”, afferma il presidente del Coordinamento FREE, Livio de Santoli. “Il provvedimento che dovrebbe finanziare le tecnologie rinnovabili innovative, in questa versione le affosserà definitivamente. Per l’eolico off shore galleggiante, che rappresenta un’occasione industriale per l’Italia, il contingente d’incentivazione è passato da 5 a 3,5 GW, con una tariffa base di 185 €/MWh, senza chiarire come si intendano gestire gli oneri di realizzazione delle infrastrutture di connessione che gravano pesantemente sui costi di costruzione della tecnologia floating, caratterizzata da distanze dalla terraferma notevolmente più grandi rispetto a quelle con fondazioni fisse e dalla necessità di prevedere la realizzazione di sottostazioni di trasformazione anch’esse necessariamente di tipo galleggiante”, continua la nota del Coordinamento FREE. “Ciò può infatti, senza mezzi termini, decretare la scomparsa dell’eolico floating dal panorama italiano e generare un gap tecnologico e produttivo difficilmente colmabile in futuro”.

I costi dell’energia

“E anche per altre tecnologie il discorso è analogo”, prosegue la nota del Coordinamento FREE, “per le biomasse il contingente di 150 MW nella somma tra biogas e biomasse da utilizzare nell’arco di cinque anni è oggettivamente ridicolo: 30 MW anno. Anche qui un grave errore di valutazione: si mettono insieme nello stesso contingente Biogas e Biomasse, ed è una scelta incomprensibile, sono due tecnologie diverse che necessitano contingenti separati. Le tariffe di riferimento per  le biomasse, inoltre, non tengono conto dell’aumento dei costi d’investimento e di gestione degli impianti. Nel settore biogas, con riferimento agli impianti fino a 300kW, gli operatori chiedono di rivedere i criteri di accesso agli incentivi e di rivedere i valori della tariffa in modo che tengano conto dell’incremento dei costi di costruzione degli impianti e delle materie prime, nonché dell’inflazione. Si riscontrano difficoltà nelle misure dedicate al prosieguo della produzione per gli impianti biogas esistenti, in particolare ai criteri assurdi definiti e legati ai limiti di distanza dalla rete e all’alimentazione dell’impianto che, se non modificati, pregiudicherebbero moltissime, se non tutte, le iniziative in corso. Le cose non vanno meglio per la geotermia per la quale si riscontra una sproporzione assurda tra tradizionali nuovi e rifacimento con innovazione, 250 MW contro solo 40. Che almeno gli impianti innovativi ad emissioni zero abbiano lo stesso contingente di quelli tradizionali nuovi!”.

“Tre anni di attesa”

“Infine, la scelta dell’incentivo al solare termodinamico ha un sapore amaro, visto che si parla di una tecnologia tutta italiana che è stata fatta fallire non dando l’autorizzazione per motivi paesaggistici a due piccoli impianti commerciali che avrebbero permesso la partecipazione delle imprese italiane a bandi da miliardi di dollari nei paesi arabi”, conclude Livio de Santoli. “Abbiamo aspettato tre anni, chiedendo sistematicamente confronti mai concessi e ora ci ritroviamo con un provvedimento in bozza che paralizzerebbe qualsiasi innovazione, con grave responsabilità per un governo oltretutto scaduto. C’è ancora tempo per modificarlo ed il Coordinamento FREE è a disposizione per farlo”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
331FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli