fbpx

Riscatto della laurea agevolato 2020: come funziona

Usufruire degli anni universitari per raggiungere la pensione in anticipo. Ecco come funziona, quanto costa e a chi conviene il riscatto della laurea agevolato

Con il decreto 4 del 2019, convertito nella Legge 26/2019, è stato modificato il riscatto della laurea, introducendo alcune agevolazioni. La misura permette di riscattare gli anni di studio universitario ai fini della pensione. L’Inps, con la circolare numero 6 del 22 gennaio 2020, ha pubblicato alcune precisazioni, chiarendo chi sono i destinatari del riscatto della laurea agevolato.

Le novità introdotte per la pensione

L’Inps chiarisce che non vi è più il limite anagrafico di 45 anni. Inoltre viene considerato valido anche un periodo di studio antecedente il 1996. C’è quindi un allargamento della platea dei beneficiari. È possibile così riscattare anche gli anni universitari meno recenti, a patto che si abbiano dai 15 ai 18 anni di contributi versati prima di quella data e almeno 5 anni accantonati con sistema contributivo (quindi dopo il 1996). Inoltre, ai fini della pensione, per usufruire del riscatto della laurea per gli anni precedenti il 1996, il lavoratore deve necessariamente scegliere il metodo contributivo.

Quanto costa il riscatto della laurea agevolato

Con il riscatto agevolato della laurea il costo è di circa 5 mila euro per ogni anno riscattato (il limite massimo di anni riscattabili è cinque), detraendo il 50 per cento dell’importo in sede di dichiarazione dei redditi. Rispetto al riscatto “ordinario”, il risparmio è del 30. È inoltre previsto un riscatto flessibile per chi voglia riscattarne solo una parte. L’opportunità, a livello economico, è quindi chiara. Ma, al netto degli sconti, non conviene a tutti.

Riscatto agevolato della laurea: a chi conviene

È importante precisare però che con il riscatto agevolato della laurea si possono solamente incrementare gli anni di contributi ai fini previdenziali, mentre non c’è alcuna incidenza sull’importo dell’assegno previdenziale. Ne consegue che è poco conveniente per chi è prossimo alla pensione di vecchiaia (67 anni). Questo perché, oltre al fatto che si applica il calcolo misto (retributivo e contributivo), non conviene riscattare gli eventuali anni di laurea antecedenti al 1996 dal momento che il requisito contributivo è raggiunto. Per accertarsi se convenga usufruire del riscatto della laurea agevolata, è utile consultare il servizio online sul sito dell’Inps, che mette a disposizione il simulatore di calcolo. La domanda va presentata online con il Pin Inps online.

- Pubblicità -

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli