fbpx

Siracusa, nel 2021 turismo in ripresa. Ma il Pil del 2019 “sembra una chimera”

Due anni fa il settore contribuì per il 14 per cento all'economia cittadina. La denuncia degli albergatori del capoluogo: le risorse umane fuggono e le tasse non sono state abbassate

“Rispetto allo scorso anno, il fatturato del comparto turistico cittadino è sostanzialmente (un po’) risalito, soprattutto per merito della presenza di italiani e, in particolare, grazie ai nostri corregionali. Nonostante la scarsità di stranieri proseguita sino al mese agosto di quest’anno, settembre e ottobre hanno riservato alla nostra città un inaspettato numero di ospiti provenienti in buona parte dall’Europa, con sparuti soggiorni di statunitensi”. È tempo di bilanci per Giuseppe Rosano, presidente di Noi albergatori Siracusa e vicepresidente nazionale di Assohotel, che commenta: “Un piccolo aumento, non certo numeri esaltanti. L’invidiabile Pil turistico apportato all’economia siracusana nel 2019, che sfiorò il 14 per cento, oggi sembra una chimera da riagguantare ma la situazione è almeno migliorata rispetto a un anno fa”.

Leggi anche – Turismo, catastrofe Sicilia: superata dal Trentino, doppiata da Bolzano

Turismo in letargo

Ma è l’immediato futuro a preoccupare: “Da qualche giorno”, continua Rosano, “la stagione turistica siracusana si sta avviando al letargo con il periodo invernale che continuerà a riservare alla nostra città flussi turistici di scarsa entità. E in attesa di festeggiare la ripresa, quella definitiva, ci ritroviamo (quasi) rassegnati all’annuncio della quarta ondata di Coronavirus: sarà l’ultima? Chi potrà mai dirlo. Un dato è sicuro. L’impietosa pandemia barricherà ancora una volta all’interno delle proprie città quei già pochi intenzionati a godersi una breve vacanza nel periodo di bassa stagione. In molti Paesi europei, con particolare riferimento a quelli che sono i nostri mercati di riferimento, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito, l’incidenza dei contagi sta assumendo numeri preoccupanti. Con codeste prospettive, diviene quasi normale porsi l’interrogativo: cosa ci riserverà il prossimo anno? Quando e come ripartirà la stagione turistica?”.

Leggi anche – Turismo, 2020 annus horribilis. La Sicilia perde il 69 per cento degli incassi

Tasse mai sospese

Interrogativi che Noi albergatori, parimenti, pone ai vari suoi partner, “tour operator e grossisti di viaggi italiani e internazionali, con i quali”, ancora Rosano, “siamo in stretto contatto, ma continuano a ripetere che anche per il 2022 non potranno garantire allotment di camere per gruppi e neppure prenotazioni per turisti individuali, sicché – al momento – non ci resta che affidarci al vecchio detto siciliano: “comu veni… veni e poi si cunta”. Il presidente di Noi albergatori Siracusa si chiede: “Con queste previsioni possiamo rassegnarci? Certo che no. Nelle aziende turistiche, nonostante messe in ginocchio dalla pandemia, serpeggia finanche ottimismo. D’altronde cos’altro possiamo mettere in campo?  Abbiamo da pagare l’Imu e altre innumerevoli tasse, che a nessuno è venuto in mente di ridurre”.

Leggi anche – La Sicilia ha fame di progetti di crescita. Agen: “Il Pnrr anche per il Turismo”

Caccia ai giovani laureati

“Dobbiamo pensare ai nostri collaboratori ai quali ci corre l’obbligo di mantenere il posto di lavoro”, prosegue il presidente di Noi albergatori Siracusa. “Altrimenti i pochi professionisti del settore seguiranno la strada di tanti loro colleghi. Molti e tanti validi specialisti delle varie discipline dell’hotellerie e della ristorazione, all’inizio di quest’anno, sono partiti per altri lidi, nei luoghi dove è stato loro garantito la continuità di lavoro, che noi non abbiamo potuto tutelare. Dopo anni di intensiva formazione la nostra città ha dissipato risorse umane di eccellente padronanza operativa. Adesso bisogna impegnarsi a individuare volenterosi giovani diplomati per orientarli a intraprendere la carriera nei vari settori turistici”.

Leggi anche – Aeroporto di Catania, in estate 3 milioni di passeggeri. “Vicini a livelli pre-Covid”

Puntare sui vaccini

Rosano conclude: “Ci aspetta un duro lavoro da avviare, più facile da realizzare se saremo accompagnati dalla fine (ma stavolta dovrà essere definitiva) della pandemia. Un obiettivo che potrà concretizzarsi con l’intensificarsi della campagna vaccinale che ci farà uscire dall’attuale stanchevole andazzo. Allora, e solo allora, potremo rimuovere le catene che ci hanno imprigionato e dire che è giunto (finalmente) il momento di muoverci in libertà, di riprendere a viaggiare, di fare vacanza”.  

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

19,385FansMi piace
462FollowerSegui
313FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli