fbpx

Sostenibilità, per il 2030 la Sicilia è al passo sul “goal” più inaspettato: i rifiuti

La Sicilia verso gli obiettivi di Agenda 2030 migliora dove meno lo si aspetta: nella gestione dei rifiuti dal 2010 ha fatto un miglioramento del 37,5%. E aumenta nettamente anche il numero di medici e infermieri. Il dato, parte dei 17 "goal" stabiliti dalle Nazioni Unite, è stato calcolato da ASviS. Ma emergono ancora forti ritardi con il resto d'Italia

I rifiuti in Sicilia passano da problema annoso e irrisolto a simbolo di una buon percorso verso lo sviluppo sostenibile. O almeno, lo sono se si considera da dove si è partiti. Dal 2010 al 2022 è aumentata la raccolta differenziata dei rifiuti del 37,5 per cento, e i rifiuti urbani pro-capite sono diminuiti del 10,4 per cento. Un dato che pone la Sicilia a livello di “economia circolare” al pari del resto d’Italia, e a buon punto per rispettare in tema rifiuti gli obiettivi dell’Onu stabiliti con l’Agenda 2030. A scriverlo è l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) che ha presentato lo scorso 13 dicembre al Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro (CNEL) Rapporto “I territori e lo sviluppo sostenibile 2023”. La Sicilia in questi 12 anni accanto al miglioramento della “performance” nei rifiuti e in altri settori normalmente considerati problematici come la sanità e le infrastrutture digitali, peggiora però a livello di efficienza delle istituzioni, per la gestione dell’acqua e della vita sulla terra. E in generale ha un livello di sostenibilità mediamente inferiore a quello italiano.

Cosa sono i Sustainable Development Goals

Il Rapporto, giunto alla quarta edizione, analizza il posizionamento, l’andamento nel tempo e la distanza di Regioni e Province autonome, Città metropolitane e Province rispetto ai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite (Sustainable Development Goals – SDGs). Lo fa sulla base di circa 100 indicatori statistici e affronta temi di grande rilievo e attualità per le politiche territoriali, tra cui: decarbonizzazione dei trasporti, dissesto idrogeologico e altri rischi (sismico, vulcanico, desertificazione, siccità, incendi ecc.), rigenerazione urbana, qualità dell’aria, infrastrutture, politiche abitative. E la Sicilia, escluso il “goal 12” relativo ai rifiuti e all’economia circolare, “per tutti gli altri Goal ha andamento stabile o in leggera crescita, ma si ha sempre un livello inferiore a quello nazionale”, spiega ASviS nel Rapporto.

Cosa sono i Sustainable Development Goals? Un video delle Nazioni Unite

In 12 anni più medici e infermieri e migliori connessioni

Nel dettaglio, dal 2010 al 2012 la Sicilia ha avuto un ottimo miglioramento nel già citato Goal 12, che tiene conto dell’aumento percentuale ma non certo delle difficoltà di avvio della raccolta differenziata, dei costi aumentati a dismisura per cittadini e Comuni e delle gravi problematiche relative alle discariche. Ma per ASviS c’è anche un leggero miglioramento per altri 3 parametri. Per la salute (Goal 3) si riduce la sedentarietà (meno 3,4 punti percentuali) e aumenta il numero di medici, infermieri e ostetrici (più 15,6 per cento tra il 2010 il 2021). Per le imprese, infrastrutture e l’innovazione (Goal 9) aumentano le famiglie collegate alla banda larga (più 44,3 punti percentuali) e la quota di occupati con istruzione universitaria in professioni scientifico-tecnologiche (più 3,8 punti percentuali). Per le disuguaglianze (Goal 10), diminuisce la distanza tra i redditi netti (meno 22,1 percentuali punti tra il 2010 ed il 2021) ed aumenta la quota di permessi di soggiorno (+17,9 punti percentuali tra il 2011 ed il 2022).

PIù povertà e truffe informatiche, meno autobus in giro

Il peggioramento è invece per quattro Goal (1, 6, 11 e 16): per la povertà (Goal 1) aumenta la povertà assoluta a livello di ripartizione Isole (Cioè Sicilia e Sardegna insieme, pari all’11,3 per cento nel 2022). Per l’acqua pulita e i servizi igienico sanitari (Goal 6) si incrementa la quota di famiglie insoddisfatte per la continuità nell’erogazione di acqua (+4,3 punti percentuali) e si riduce l’efficienza del servizio idrico (-6,9 punti percentuali tra il 2012 e il 2020). Per le città e le comunità (Goal 11) diminuiscono i posti-km pro-capite offerti dal trasporto pubblico locale (meno 35,9 per cento) ed aumenta l’abuso edilizio (più 7,3 punti percentuali). Per le istituzioni (Goal 16) il peggioramento è trainato dal forte aumento di truffe e frodi informatiche (più 222,5 per cento tra il 2010 ed il 2021) e dalla riduzione della partecipazione sociale (meno 5,3 punti percentuali tra il 2013 e il 2022).

I goal “mancati” dalle tre Città metropolitane

Per la Sicilia il Rapporto analizza il posizionamento delle singole province e delle Città Metropolitane (CM) rispetto al dato medio nazionale, evidenziando le differenze tra i territori. I territori che presentano uno o più Goal con valori molto inferiori alla media nazionale sono: la CM di Palermo per istruzione (G4), parità di genere (G5), acqua (G6), lavoro (G8), disuguaglianze (G10) ed economia Circolare (G12). Ha valori inferiori alla media per imprese, innovazione e infrastrutture (G9), città e comunità sostenibili (G11) e istituzioni (G16). Superiori per energia (G7).
La CM di Messina per istruzione (G4), parità di genere (G5), acqua (G6), lavoro (G8), imprese, innovazione e infrastrutture (G9) e disuguaglianze (G10). Ha valori inferiori all’Italia per città e comunità sostenibili (G11), economia circolare (G12) e istituzioni (G16). Superiori per vita sulla terra (G15).
La CM di Catania per istruzione (G4), parità di genere (G5), acqua (G6), lavoro (G8), imprese, innovazione e infrastrutture (G9), disuguaglianze (G10). Ha valori inferiori per economia circolare (G12), vita sulla terra (G15) e istituzioni (G16);

I risultati delle altre province

I risultati nelle altre sei province, vedono ancora disuguaglianze marcate rispetto alla media nazionale.
Per Trapani i “goal” inferiori alla media sono salute (G3), istruzione (G4), parità di genere (G5), lavoro (G8), imprese, innovazione e infrastrutture (G9), disuguaglianze (G10) e istituzioni (G16). Ha valori inferiori per acqua (G6) e città e comunità sostenibili (G11). Superiori per energia (G7) ed economia circolare (G12).
Agrigento per salute (G3), istruzione (G4), parità di genere (G5), acqua (G6), lavoro (G8), imprese, innovazione e infrastrutture (G9) e disuguaglianze (G10) e valori inferiori per istituzioni (G16). Superiori per energia (G7). 
Caltanissetta per salute (G3), istruzione (G4), parità di genere (G5), lavoro (G8), imprese, innovazione e infrastrutture (G9), disuguaglianze (G10) e istituzioni (G16). Ha valori inferiori per città e comunità sostenibili (G11). Superiori per acqua (G6) ed energia (G7). 
Enna in istruzione (G4), parità di genere (G5), lavoro (G8), imprese, innovazione e infrastrutture (G9), disuguaglianze (G10) e istituzioni (G16). Ha valori inferiori per salute (G3) e città e comunità sostenibili (G11). Eccelle per energia (G7) e ha valori superiori per acqua (G6), economia circolare (G12) e vita sulla terra (G15). 
Ragusa per istruzione (G4), lavoro (G8) e vita sulla terra (G15). Ha valori inferiori per salute (G3), parità di genere (G5), acqua (G6), imprese, innovazione e infrastrutture (G9), disuguaglianze (G10), città e comunità sostenibili (G11) e istituzioni (G16). Superiori per economia circolare (G12). 
Siracusa per istruzione (G4), parità di genere (G5), acqua (G6), energia (G7), lavoro (G8), imprese, innovazione e infrastrutture (G9), disuguaglianze (G10) e istituzioni (G16). Ha valori inferiori per salute (G3), città e comunità sostenibili (G11), economia circolare (G12) e vita sulla terra (G15).

- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Catanese, mai lasciata la vista dell'Etna dal 1984. Dal 2006 scrivo della cronaca cittadina. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli