fbpx

Sostenibilità, Sicilia seconda solo alla Lombardia. I dati di Cribis e Sicindustria

L'Isola primeggia anche sul versante dei fornitori delle catene produttive: oltre il 27 per cento proviene dalla Trinacria. Le prospettive per il futuro e le testimonianze delle aziende

Una Sicilia sostenibile. Seconda solo alla Lombardia. È questa la fotografia scattata da Cribis, la società leader nella fornitura di informazioni per la gestione di supply chain internazionali e nella valutazione di aziende italiane ed estere, e contenuta nei dati presentati oggi in occasione dell’incontro “Palermo Sostenibile”, organizzato in collaborazione con Sicindustria, partner di Enterprise Europe Network, e Comune di Palermo. Il 15,55 per cento delle imprese a capo di una filiera produttiva che hanno chiesto una valutazione di sostenibilità provengono dalla Sicilia. Testimonianza di quanto l’Isola, con Palermo in testa, sia attenta alle tematiche ESG, ponendosi come first mover della sostenibilità, seconda solo alla Lombardia (19,09 per cento). Seguono, l’Emilia Romagna con il 9,65 per cento, il Piemonte con il 9,25 per cento e il Veneto con il 7,48 per cento.

Risposta alla crisi

La Sicilia primeggia anche sul versante dei fornitori delle catene produttive: il 27,15 per cento delle imprese fornitrici presenti nella piattaforma Synesgy di Cribis è costituito infatti da aziende siciliane. A seguire quelle lombarde (16,42 per cento); quelle emiliane (10,44 per cento); quelle laziali (7,26 per cento) e quelle piemontesi (6,86 per cento). “La transizione ecologica”, ha commentato il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla, “è una sfida ma anche una grande opportunità e Palermo lo ha capito, vivendo da protagonista questo processo. A fronte della grave crisi energetica che stiamo attraversando, l’impegno delle imprese verso scelte sostenibili diviene fondamentale e il compito delle istituzioni è quello di facilitarne il percorso. Per questa ragione l’amministrazione comunale vuole essere al fianco delle aziende. Sono convinto che una ‘Palermo sostenibile’ si costruisce più facilmente lavorando insieme”.

Le scelte per il futuro

“Le sfide economiche, sociali, ambientali, tecnologiche e digitali”, ha detto Gregory Bongiorno, presidente di Sicindustria, “sono profondamente connesse ed è quindi necessario affrontarle con una visione integrata e con la consapevolezza che le scelte di oggi riconfigureranno il futuro del settore industriale, con effetti sia sui livelli di occupazione e di benessere dei cittadini sia sulla salvaguardia dell’ambiente. Da sempre Sicindustria è un acceleratore di sviluppo e promotrice di innovazione, non solo del sistema industriale, ma del territorio nel suo complesso e, in quanto partner della rete Enterprise Europe Network, lavora già da tempo sul tema della sostenibilità. E non è un caso che siamo la prima associazione di categoria in Sicilia a sottoscrivere un protocollo per consentire alle imprese associate di effettuare una valutazione sul livello di sostenibilità raggiunto”.

La voce delle imprese

“Ad oggi le aziende”, ha spiegato Marco Preti, direttore generale di Crif e ceo di Cribis, “sono chiamate a una profonda rivoluzione nel modo di pensare e agire. L’attenzione verso pratiche sostenibili è ormai un requisito fondamentale per poter ambire a uno sviluppo costante e duraturo nel tempo e per rimanere competitivi sul mercato; in questo la Sicilia si è dimostrata molto sensibile all’argomento, capendo l’importanza e la strategicità di attuare una transazione sostenibile per lo sviluppo economico dell’intera isola”. Momento clou della mattina, la testimonianza di quattro imprese che hanno già inserito la sostenibilità come asset strategico: dalla Logiproject alla Msc Sicilia, dalla Osp (Operazioni e servizi portuali) alla Esg View.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,945FansMi piace
511FollowerSegui
341FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli