fbpx

Startup, in Sicilia sotto la media. Solo due ogni 100 nuove imprese

Delle oltre 3.600 nuove imprese del 2020, poco più del 2 per cento registrate come innovative. I dati, che vengono dal registro nazionale, vedono l'Isola all'ultimo posto d'Italia insieme alla Puglia

Sono società di capitali costituite da meno di cinque anni, con fatturato annuo inferiore a cinque milioni di euro, non quotate, e in possesso di determinati indicatori relativi all’innovazione tecnologica previsti dalla normativa nazionale. E in Sicilia sono solo il 2 per cento sul totale delle nuove imprese, che sono state oltre 3.600 nel 2020. Il dato, fornito dal Ministero dello Sviluppo Economico (Mise), vede l’Isola (2,28 per cento) all’ultimo posto in Italia per incidenza, insieme alla Puglia (2,14). La media nazionale supera il 3,4 per cento.

La Sicilia ultima in Italia

Al 31 dicembre 2020 erano 11.899 le imprese iscritte all’apposito registro, tenuto dal Mise. E fra queste le siciliane incidono solo per il 4,6 per cento, con appena 549 startup. Per fare un confronto, il solo Trentino-Alto Adige ne conta 285, con un incidenza sul totale delle nuove imprese record per l’Italia, il 5,4 per cento. La prima regione in Italia è saldamente la Lombardia, che conta il 27 per cento del totale, con oltre 3 mila e 200 iscritte al registro. Seguono il Lazio (1.383 imprese, 11,6 per cento nazionale), la Campania (1.053, l’8,85 per cento), e il Veneto (974 con l’8,19 per cento).

- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Catanese, mai lasciata la vista dell'Etna dal 1984. Dal 2006 scrivo della cronaca cittadina. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli