fbpx

Superbonus, gli architetti etnei pronti alla class action contro il Sostegni ter

La nuova norma che prevede una sola cessione del credito per il bonus 110%, anche per i lavori già ultimati, secondo l'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Catania e la sua Fondazione è un "ferma il processo di rigenerazione del Paese"

“È impensabile dichiarare di voler far crescere il Paese, riattivare il settore delle costruzioni, avviare in modo concreto il processo di efficientamento energetico e riqualificazione, modificando periodicamente il quadro normativo, anche in modalità retroattiva, generando confusione e arrestando, di fatto, la ripresa economica e la rigenerazione del patrimonio immobiliare italiano, vetusto ed energivoro”. Questo l’allarme lanciato dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Catania e dalla sua Fondazione – presieduti rispettivamente da Sebastian Carlo Greco ed Eleonora Bonanno – alla luce delle modifiche sulla cessione del credito previste dal decreto Sostegni Ter, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 28 gennaio. Per far valere le proprie ragioni, i rappresentanti dell’Ordine etneo, della Fondazione e al CoGA, saranno presenti martedì 8 febbraio alla class action contro il blocco della cessione dei crediti che si terrà in Piazza della Repubblica a Roma.

Una sola cessione anche per i lavori già ultimati

L’articolo 28, infatti, prevede una sola cessione del credito maturato dai lavori legati ai bonus edilizi, anche per quelli già ultimati: “Una norma – secondo Greco e Bonanno – inspiegabile, considerando che la cessione del credito ha permesso di rendere efficace il Superbonus e gli altri vantaggi fiscali. Questa modifica si unisce ad altre disposizioni che rallentano il processo di rigenerazione del Paese, con gravi ripercussioni anche sulle attività professionali e sull’economia. Infatti – spiegano – gli istituti finanziari a breve non accetteranno più crediti perché saturi, con la conseguenza di utilizzare il “saldo a stralcio”, a discapito di committenti, professionisti e imprese che hanno già stipulato contratti”.

Greco e Bonanno denunciano un rischio di “effetto a catena”

Questo, come spiegano Greco e Bonanno, darebbe vita a un “effetto a catena: le imprese e i professionisti, senza liquidità, non pagherebbero fornitori, dipendenti ed enti previdenziali, oltre all’impossibilità di saldare l’Iva. Ancor più svantaggiate – sottolineano i presidenti della categoria etnea – le famiglie che non avranno la possibilità di anticipare importi considerevoli”. Questo è quanto emerge dall’approfondita analisi del sistema da parte di Ordine e Fondazione, «coscienti della necessità di intervenire contro le frodi, ma non a discapito di chi abbia operato in modo corretto e onesto”.

Appello al Governo Draghi

Un appello al Governo in funzione di una “prospettiva futura, attraverso provvedimenti che rendano strutturale un processo che si è dimostrato, nonostante le difficoltà, una possibilità concreta di rigenerazione e riqualificazione. Un percorso di rigenerazione non può essere affrontato di sei mesi in sei mesi – concludono i presidenti – ma richiede programmazione e attenzione alla sicurezza sismica, all’efficientamento energetico e alla qualità architettonica dell’intervento, che va oltre le sole caratteristiche tecniche”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli