fbpx

Teatri, Cgil Sicilia va in piazza. “Basta incertezza sui finanziamenti pubblici”

A preoccupare il sindacato, dice il segretario regionale Mannino, "la mancata erogazione dei finanziamenti destinati alla Fondazione teatro Massimo e all’associazione teatro Biondo"

La Cgil annuncia l’avvio di “una grande mobilitazione” a sostegno dei teatri e delle istituzioni culturali della Sicilia su cui “grava”, dice una nota, “un perenne stato di incertezza”. A destare ulteriore allarme, nei giorni scorsi, la notizia della mancata erogazione dei finanziamenti del 2021 e 2022 destinati alla Fondazione teatro Massimo e all’associazione teatro Biondo. “Così”, scrivono in una nota il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino, e il responsabile nel sindacato del dipartimento cultura Maurizio Rosso, “si mettono in ginocchio due importanti istituzioni culturali”. Che annunciano già tagli alla produzione, la Turandot ( da parte della FtM), e all’occupazione. L’incertezza dei finanziamenti che siano comunali, regionali o nazionali è un problema di vecchia data e riguarda tutti i teatri della Sicilia.

Leggi anche – Catania, tornano le file al botteghino per il concerto di Blanco alla villa Bellini

Impegni per il futuro

Nei prossimi giorni si terranno a Palermo assemblee dei lavoratori dei due teatri e il due aprile una manifestazione in piazza Verdi di tutti gli artisti delle maestranze e dei lavoratori del settore per chiedere l’erogazione dei finanziamenti già previsti e “impegni certi per il futuro, che”, sottolineano Mannino e Rosso, “mettano i due teatri in condizione di programmare un’offerta culturale degna di una città metropolitana”. Ciò, per la Cgil, deve significare “raddoppio degli spettacoli e occupazione stabile, cosa che e è segno imprescindibile di qualità artistica”. Mannino e Rosso rilevano anche che “i teatri hanno bisogno di un investimento in tecnologia, che potrebbe avvenire anche col Pnrr, dal momento che la misura 1 prevede per questo scopo 40 miliardi”.

Leggi anche – Istituto Bellini, Ugl plaude alla statalizzazione. “Ridare dignità all’Ente”

Preservare la cultura

Insomma i due esponenti della Cgil sottolineano “basta con lo stato di disarmante precarietà in cui vivono i teatri per l’incertezza dei finanziamenti pubblici. Cultura, bellezza, saperi del territorio sono elementi che vanno preservati e valorizzati per lo sviluppo economico, sociale, artistico e civile della nostra terra”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli