fbpx

Telemarketing, da oggi il nuovo registro opposizioni. Ma il sito non funziona

Un semplice indirizzo Web, registrodelleopposizioni.it, dal quale poter negare il consenso a tutte le aggressive telefonate commerciali, anche da cellulare. Peccato che il portale pubblico del RPO, sia stato inaccessibile per ore: errore di privacy e 404

La dinamica è nota: una chiamata da un numero non conosciuto, magari intorno all’ora di pranzo, alla quale si risponde per pura curiosità, ma già con la quasi certezza che si tratti di telemarketing, una proposta promozionale per un nuovo contratto elettrico, un aspirapolvere, un depuratore d’acqua. Call center, voci registrate, spesso persino chiamate mute potrebbero, e il condizionale è d’obbligo, finire oggi stesso: il ministero dello Sviluppo economico (Mise) ha attivato il nuovo registro pubblico delle opposizioni (RPO), un registro pubblico al quale poter accedere finalmente tramite un modulo online automatizzato e dal quale si dovrebbe avere il controllo assoluto sui vari “consensi” dati nei moduli alle varie aziende per il cosiddetto telemarketing, finalmente esteso anche ai numeri cellulare oltre che ai numeri fissi, sempre meno utilizzati. Il problema è che, nella mattina del debutto, il sito registrodelleopposizioni.it è stato non funzionante fino alle 11 del mattino.

Errore di privacy per chi difende la privacy

Il problema del malfunzionamento del sito, segnalato a FocuSicilia e verificato dalla redazione, consiste apparentemente in una mancanza di certificati aggiornati per la connessione sicura all’interno del nuovo portale, sul quale i browser danno un alert per l’avvio di una connessione “non sicura”. Un problema, potenziale, di mancato rispetto della normativa sulla privacy quindi, con potenziale – e inverosimile trattandosi di un sito governativo – raccolta dati effettuata da soggetti non identificati tramite i moduli presenti sul sito. La spiegazione più probabile è invece quella di un eccesso di traffico all’interno del sito Web: aggirando l’alert sulla protezione dati si apre infatti una pagina di errore “404”, che identifica l’assenza della pagina stessa richiamata, e spesso nei casi di traffico un mancato collegamento al server dati sul quale il dominio registrodelleopposizioni.it si appoggia. Il sito, pur con qualche rallentamento, è tornato al normale funzionamento intorno alle 11. Per accedere basta lo Spid: un volta inserito il proprio numero di telefono, basterà chiamare per “conferma della disponibilità dell’utenza” un numero fisso indicato dal portale RPO per completare la procedura, al termine della quale verrà rilasciato un certificato pdf da scaricare. La richiesta di iscrizione delle utenze indicate verrà gestita “entro 24 ore”.

Si può accedere al registro anche via telefono o email

Fortunatamente esistono anche altre modalità di accesso al servizio, tramite numero verde ed email. Le modalità sono state esplicitate dal Ministero dello Sviluppo economico nella nota di presentazione del servizio, attivato in collaborazione con Presidenza del Consiglio, il Parlamento, l’Agcom, il Garante della Privacy, gli operatori e associazioni dei consumatori. Si può quindi telefonare al numero verde 800 957 766 per le utenze fisse e allo 06 42986411 per i cellulari o inviando un apposito modulo digitale tramite mail all’indirizzo iscrizione@registrodelleopposizioni.it.

- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Trentasette anni, tutti vissuti sotto l’Etna. Dal 2006 scrivo della cronaca di Catania. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli