fbpx

Tremestieri, “lavoratori Old Wild West non pagati”: Cgil in stato di agitazione

Nei giorni scorsi il sindacato messinese ha sollecitato la società "a provvedere alle pendenze dovute" ai dipendenti, e per i prossimi giorni annuncia "azioni ancora più determinate"

Non percepiscono le tredicesime e le quattordicesime dal 2019, ad oggi non risulta saldato lo stipendio dello scorso dicembre e a rischio anche la mensilità di gennaio 2022: la Filcams Cgil di Messina, guidata da Giselda Campolo, ha proclamato lo stato di agitazione di lavoratrici e lavoratori del ristorante “Old Wild West”, gestito dalla Rodeo Italia e situato nel Centro commerciale di Tremestieri. Nei giorni scorsi è stata inviata una lettera per sollecitare la società srl, con sede a Vibo Valentia, a provvedere alle pendenze dovute, sia per quanto riguarda le spettanze relative al cedolino paga dell’ultimo mese del 2021, sia per le mensilità aggiuntive dell’ultimo triennio.

Leggi anche – Lavoro, riparte da Villafrati l’ufficio mobile della Cisl Fp Palermo Trapani

Stato di agitazione

“Risulta pagata solo la tredicesima del 2020″, spiega la segretaria generale provinciale Campolo, “dunque abbiamo deciso di avviare l’agitazione per tutelare i diritti delle sei persone coinvolte, che giustamente sono preoccupate per il loro futuro. Ricordiamo alla Rodeo Italia che, in caso di difficoltà, si possono attivare gli ammortizzatori sociali, di recente riorganizzati, ma che non è consentito abbattere i costi scontando diritti e retribuzioni. Inoltre si registra un lieve aumento della clientela, dopo i lockdown causati dalla pandemia, grazie anche alla riapertura del cinema all’interno del Centro commerciale, e contestualmente si sono presentate difficoltà nell’organizzazione dei turni essendo solo rimasti soli in sei i dipendenti e tutti part time, con inquadramenti contrattuali che non riflettono le effettive mansioni”.

Leggi anche – Lavoro, intesa tra Ispettorato e Ordine degli ingegneri etnei sulla sicurezza

Le mosse del sindacato

“Abbiamo dato all’azienda il termine di cinque giorni per disporre quanto dovuto”, conclude la segretaria generale di Filcams Cgil di Messina, “siamo già pronti per azioni ancora più determinate per far rispettare le scadenze previste dai contratti nazionali. Sottolineiamo ancora una volta che tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori hanno diritto alla giusta retribuzione nel pieno rispetto dei tempi contrattuali previsti”. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli