fbpx

Truffe online, fenomeno dilagante. Cosa fare per difendersi. I vademecum Abi

Per difendersi dalle truffe online cosa fare? I suggerimenti dell'Associazione bancaria italiana. Dalle password al prelievo allo sportello. Fenomeno preoccupante e dilagante per il cui contrasto è necessaria tanta educazione finanziaria

Il “lato oscuro” della digitalizzazione lo definisce da tempo Gabriele Urzì, dirigente nazionale Fabi (Federazione autonoma bancari italiani) e responsabile salute e sicurezza Fabi Palermo. Il riferimento è ai tanti pericoli che ruotano attorno alla grande diffusione dei mezzi di pagamento elettronici e dell’home banking. Le truffe online sono sempre più diffuse. Occorre difendersi e sapere come fare. Anche in Sicilia, dove per una serie di motivazioni l’utilizzo dei pagamenti senza contante è inferiore alla media nazionale, il ricorso a pagamenti digitali sta crescendo sempre di più. Circostanza positiva ma che aumenta la possibilità di truffe. Un vero e proprio “problema sociale” lo definisce Urzì. Ecco perché Abi, l’Associazione bancaria italiana ha deciso di diffondere dei suggerimenti, un po’ di educazione digitale insomma. Suggerimenti sposati e diffusi anche da Fabi.

Progetto trasparenza

Contrastare i crimini informatici e le truffe e per accrescere la sicurezza degli utenti è l’obiettivo dei vademecum predisposti dall’Associazione bancaria italiana in collaborazione con le associazioni dei consumatori che lavorano con Abi al Progetto trasparenza semplice, della polizia di Stato, di Certfin, Ossif e di Abilab. La situazione delle truffe online in Sicilia è particolarmente allarmante a Palermo che conta l’11 per cento del totale dei ricorsi presentati nel 2022. “Solo per ricordare un caso recente, – afferma ancora Urzì – il 5 giugno 2023 l’arbitro del collegio di Palermo ha accolto il ricorso dei clienti di una banca disponendo il rimborso di 64.500 euro, perché ha riconosciuto la mancata predisposizione di adeguati presidi di allerta per comunicare immediatamente ai correntisti i pagamenti in essere sul loro conto”.

Leggi anche – Banche in Sicilia: sempre meno sportelli nei Comuni. A volte non ce ne sono

Truffe online a cosa stare attenti

Ecco quindi l’importanza dei vademecum Abi con suggerimenti per evitare di cadere nella rete dei truffatori, come usare password diverse complesse, non accedere a Internet da reti pubbliche, installare un antivirus e aggiornarlo costantemente, non diffondere informazioni personali online, verificare l’attendibilità del mittente prima di aprire link e allegati, in caso di telefonate sospette verificare il numero di telefono e non fornire mai dati riservati e, se si pensa di essere rimasti vittima di una truffa, contattare immediatamente la propria banca. Vengono forniti, inoltre, suggerimenti per andare in banca in piena sicurezza, effettuare pagamenti con carte e prelevare contanti allo sportello automatico (Atm) senza correre rischi, evitare di cadere in truffe telefoniche.

Leggi anche – Italiani bocciati in educazione finanziaria. Male soprattutto al Sud

Meno commissioni più transazioni digitali

“Anche in Sicilia, dove per una serie di motivazioni l’utilizzo dei pagamenti senza contante è inferiore alla media nazionale, grazie anche ad alcune iniziative degli istituti di credito che stanno riducendo o addirittura azzerando le commissioni su alcune transazioni con carte di debito e di credito, il ricorso a pagamenti digitali sta crescendo sempre di più. Circostanza positiva ma che aumenta la possibilità di truffe. Unicredit, ad esempio – continua Urzì – ha già posto in essere l’azzeramento, fino al 30 giugno 2024, delle commissioni sui micropagamenti elettronici inferiori o uguali a dieci euro per le aziende con un fatturato fino ad un milione di euro. E, recentemente, Banco BPM con l’obiettivo di diffondere gli strumenti elettronici anche per le operazioni di piccolo importo, ha disposto che per ogni transazione su circuito PagoBancomat di importo inferiore o uguale a 10 euro, effettuata dal 1° ottobre 2023 al 30 giugno 2024 rimborserà agli esercenti le commissioni”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli