fbpx

Una nuova sede per la storica biblioteca dell’Accademia Gioenia

I locali sono stati concessi in comodato d’uso dall’Università di Catania, nel Palazzotto Biscari alla Collegiata. Recuperato un patrimonio documentario di oltre duemila pezzi che torna fruibile al pubblico in ambienti di 300 metri quadrati

“È una vera e propria festa della cultura. La storica biblioteca dell’Accademia Gioenia viene oggi restituita alla città e alla comunità scientifica e avrà una sede funzionale nei locali concessi in comodato d’uso dall’Università di Catania, nel Palazzotto Biscari alla Collegiata, a sottolineare il legame indissolubile che da sempre esiste fra l’Ateneo e l’Accademia”. Il rettore Francesco Priolo ha partecipato questa mattina all’incontro per l’inaugurazione della nuova sede della biblioteca dell’antico sodalizio scientifico etneo istituito nel 1824 per volere del naturalista catanese Giuseppe Gioeni d’Angiò e del cavaliere gerosolimitano Cesare Borgia. “Mi complimento con il presidente Mario Alberghina, con
tutti i soci e con le istituzioni che hanno concorso a raggiungere questo obiettivo – ha aggiunto il rettore – dando una collocazione adeguata all’enorme e preziosissimo patrimonio librario che fu ospitato originariamente nel Palazzo centrale e poi nel Palazzo delle Scienze, ma che negli ultimi anni è rimasto accatastato indegnamente in un deposito”.

Un patrimonio di oltre duemila documenti

Dopo un lungo iter per il recupero e la collocazione dei testi, la nuova sede della Biblioteca, allestita secondo il progetto dell’Apsema dell’Università di Catania approvato dalla Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Catania, metterà a disposizione degli utenti ambienti per complessivi 300 mq e un patrimonio documentario superiore a 2.000 unità con titoli, di tipologia internazionale in lingua italiana, tedesca, inglese, giapponese, russa, spagnola, polacca, slava, portoghese. Il presidente Alberghina ha parlato di ‘miracolo laico’, a beneficio di tutti quanti amano i libri e la cultura. “Ringrazio l’Ateneo – ha aggiunto – per averci permesso di dare nuova vita alla biblioteca che era nata per promuovere gli studi sui fenomeni naturali, con speciale riguardo alla Sicilia, e contribuire al progresso delle scienze, e la Soprintendenza per aver seguito da vicino il progetto e l’intera realizzazione”.

- Pubblicità -
Agostino Laudani
Agostino Laudani
Giornalista professionista, nato a Milano ma siciliano da sempre, ho una laurea in Scienze della comunicazione e sono specializzato in infografica. Sono stato redattore in un quotidiano economico regionale e ho curato la comunicazione di aziende, enti pubblici e gruppi parlamentari. Scegliere con accuratezza, prima di scrivere, dovrebbe essere la sfida di ogni buon giornalista.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli