fbpx

Unict, oltre ottomila visite e 140 classi scolastiche per il museo di Zoologia

Oltre alle collezioni zoologiche e naturalistiche esposte, il museo può contare su quattro totem informativi touch-screen e su un grande monitor su cui seguire i documentari

L’Elefante “Africano” campeggia al centro della struttura tra la tigre, la zebra e il leone. Sulla sua testa un “volante” Capodoglio insieme con due scheletri di uccelli corridori, lo Struzzo e il Nandù, e, inoltre, il maestoso Condor delle Ande, il Grifone e i pappagalli. Ma “u liotru”, il simbolo dei catanesi, il “marchio” della città, rimane il protagonista indiscusso del rinnovato Museo di Zoologia e Casa delle Farfalle che proprio oggi (9 luglio) compie un anno nella sua nuova veste. Ad ammirarlo in quest’anno, nonostante i primi mesi siano stati scanditi dall’emergenza pandemica, oltre 8 mila visitatori, per lo più studenti di 140 classi scolastiche di ogni ordine e grado provenienti da quasi tutte le provincie siciliane. E ancora cooperative sociali, associazioni giovanili e di volontariato.

La lunga storia del Museo

Una “prima” candelina per il nuovo Museo di Zoologia dell’Università di Catania che, in verità, è collocato da 100 anni nell’attuale edificio in stile Liberty appositamente edificato in via Androne 81, costituito da un ampio salone a piano terra e da uno spazio al primo piano.
Fondato nel 1853 dal prof. Andrea Aradas nei locali del Palazzo centrale dell’Università di Catania, nel 1922 la struttura museale è stata trasferita nella sede attuale di via Androne 81 annessa al Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali. Un nuovo allestimento che ha permesso di applicare idee espositive innovative in ambito museologico, in particolar modo il prof. Giorgio Sabella, responsabile scientifico del Muzoo, insieme con il dott. Fabio Massimo Viglianisi, responsabile delle attività didattiche e educative, hanno “sostituito” la classica narrazione lineare con gli animali ordinatamente esposti in vetrine utilizzando rigidi schematismi sistematici con un ambiente complesso, ma aperto, che coniuga perfettamente il classico approccio didattico con un carattere spiccatamente emozionale grazie ad un ambiente “open” in cui è possibile “camminare” al fianco degli animali senza  alcuna barriere.

Le specie in esposizione

Una nuova concezione che ha fatto breccia tra i visitatori incantati delle diverse isole su cui sono presenti le diverse specie tipiche della savana africana (leone, zebra, impala) e specie più note e spettacolari dell’ordine degli Artiodattili (cervo, daino, alce) e della Famiglia degli Ursidi (orso bianco e orso del Tibet). Oltre a mammiferi e uccelli provenienti dall’emisfero australe, in esposizione anche esemplari appartenenti all’ordine dei Carnivori (tigre, leone, leopardo, puma) e alcuni rappresentanti della classe dei Rettili (pitone, iguana, coccodrillo). Ricostruita anche la filogenesi dei Primati e degli Ominidi con l’esposizione di esemplari in pelle, scheletri e calchi di crani. Spettacolare l’esposizione in sospensione del cranio e di alcune vertebre di un Capodoglio oltre che dei Colibrì: ben 217 esemplari che rappresentano la più ricca collezione italiana di piccolissimi uccelli esposti in una bacheca lunga sette metri e attorniati da numerosi esemplari di altri uccelli esotici tutti provenienti dalla storica collezione Auteri della metà del XIX secolo.

Le dotazioni del Museo

Dal punto di vista multimediale, il museo è dotato di quattro totem informativi touch-screen e di un grande monitor in cui sarà possibile seguire i documentari. Al primo piano sarà possibile ammirare diversi esemplari dei principali phyla di invertebrati e importanti collezioni ornitologiche. In quest’ultimo anno le attività del rinominato Muzoo – rilanciato anche grazie ai diversi profili social e ai virtual tour in 3D – sono state numerose spaziando dalla partnership per i progetti PCTO – Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento alla partecipazione ad eventi nazionali ed internazionali. Il museo, infatti, ha riaperto le porte nel 2021 grazie agli interventi di ammodernamento realizzati nel biennio 2020-2021 con fondi dell’Ateneo di Catania. Fiore all’occhiello del Museo la rassegna di eventi quindicinali in presenza dal titolo “Un tè al Museo di Zoologia” che ha visto alternarsi studiosi e ricercatori su tematiche ambientali e scientifiche.

Le prossime iniziative

Nei prossimi mesi saranno avviate nuove iniziative come l’allestimento di una mostra temporanea sulle specie aliene (nell’ambito del progetto Italia-Malta “Fast”), la riorganizzazione delle vetrine dedicate agli invertebrati e incontri che culmineranno nel 2023 nell’organizzazione degli eventi per il centenario dell’inaugurazione della sede del Museo di Zoologia di via Androne 81.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli