fbpx

Vertenza Pfizer, il “rammarico” di Confindustria per l’esito negativo

L'associazione datoriale, dopo il terzo incontro con esito negativo nella propria sede sul futuro dello stabilimento etneo, registra "l'impossibilità di proseguire la consultazione in sede aziendale". E sottolinea come i sindacati si siano rifiutati di "sottoscrivere un semplice verbale"

“In riferimento alla vertenza che riguarda la nostra associata Pfizer e, nello specifico, all’incontro sindacale tenutosi lo scorso 7 marzo, preso atto delle dichiarazioni rilasciate alla stampa dalle organizzazioni sindacali, Confindustria Catania esprime profondo rammarico per il suo esito negativo”. Sono queste le parole scelte dall’associazione datoriale etnea per dare seguito al terzo incontro di confronto tra i lavoratori e l’azienda multinazionale sul destino dello stabilimento catanese e dei suoi 120 addetti.

“E’ stata sempre affermata con forza – prosegue la nota di Confindustria – la necessità di un confronto trasparente e costruttivo, quale componente basilare per gestire questa delicata fase della vita aziendale, e con forza Confindustria si è spesa per un dialogo utile a valutare e condividere tutti i possibili strumenti e percorsi a sostegno dei lavoratori coinvolti dalla procedura. Strumenti e percorsi di incentivazione economica che l’azienda, nel corso dell’ultimo incontro, ha tentato di esporre, in aggiunta a quello già esplicitato in precedenza relativo alla possibile ricollocazione professionale presso il sito Pfizer di Ascoli, incontrando, tuttavia, una ferma resistenza da parte del Sindacato, il quale ha dichiarato la sua indisponibilità ad entrare nel merito della questione in mancanza di un piano industriale e di precise informazioni sul futuro del sito di Catania”.

Confindustria difende però l’operato dell’azienda, sua associata: “In merito a quest’ultimo punto, l’azienda ha, peraltro, sempre affermato e ribadito l’intenzione di non voler disinvestire sullo stabilimento di Catania e, anzi, ha informato Istituzioni e controparte sindacale del piano di investimenti del triennio 2022-2024, il quale verosimilmente sarà oggetto di ulteriori revisioni incrementali qualora i continui monitoraggi aziendali lo rendessero necessario. Ciò a testimonianza del costante impegno profuso dal management locale per incrementare la capacità produttiva del sito locale”, scrive l’associazione degli industriali. Il documento prosegue stigmatizzando “il rifiuto da parte delle organizzazioni sindacali e della Rsu di sottoscrivere, come sempre avviene, un semplice verbale riportante le dichiarazioni dei soggetti partecipanti” e il conseguente abbandono da parte delle stesse del tavolo delle trattative, dopo 10 ore di intenso confronto, sminuiscono il valore della sede ‘sindacale’, quale luogo privilegiato e naturale di confronto e di composizione delle controversie, e non trovano riscontro nella prassi delle relazioni industriali, le quali, peraltro, ci hanno portato negli anni passati ad affrontare in modo sinergico analoghe vertenze che hanno impattato il nostro territorio”.

“Impossibilità nel proseguire la consultazione in sede aziendale”

La nota di Confindustria Catania si conclude “registrando l’impossibilità di proseguire la fase di consultazione in sede aziendale, consapevoli della complessità del processo di riorganizzazione che sta riguardando la nostra associata, siamo certi che quella della concertazione rappresenti la strada maestra da seguire per tentare di gestire nel modo meno traumatico possibile la vicenda e, pertanto, auspichiamo che, in altre sedi, possa riprendere un proficuo dialogo nell’interesse di tutti e, soprattutto, dei lavoratori coinvolti dal provvedimento”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli