fbpx

Abbigliamento, il 23 dicembre sciopero anche in Sicilia. Sette marchi coinvolti

I sindacati chiedono di non toccare le commissioni individuali e di aggiungere forme di premialità come ticket a otto euro per tutti i lavoratori. Annunciate anche proteste pubbliche

I lavoratori delle insegne Zara, Zara Home, Bershka, Pull & Bear, Massimo Dutti, Stradivarius e Oysho sciopereranno per otto ore venerdì 23 dicembre in tutta la Sicilia. La protesta è stata indetta da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs regionali nell’ambito della giornata nazionale di mobilitazione per il mancato accordo sul contratto integrativo aziendale, su cui le parti discutono a livello nazionale ormai da più di un anno. “L’azienda Itx Italia Srl”, dicono i segretari delle tre sigle Sandro Pagaria, Giusy Sferruzza e Marianna Flauto, “rifiuta di prevedere premialità per i lavoratori”.

Le richieste dei sindacati

I sindacati hanno chiesto di “non toccare le commissioni individuali e di aggiungere forme di premialità come ticket a otto euro per tutti i lavoratori anche attraverso un percorso graduale all’interno dei tre anni di validità dell’intesa. Di attivare inoltre un premio sulla redditività di gruppo e di singolo brand per tutte le lavoratrici e lavoratori”. “Gli ottimi risultati aziendali”, affermano Pagaria, Sferruzza e Flauto, “vengono raggiunti grazie a tutti i lavoratori dei punti vendita”. Chiesto anche un welfare omogeneo per tutti i lavoratori del Gruppo, senza differenziazioni tra le insegne.

Iniziative pubbliche di protesta

“È inaccettabile”, concludono mi tre esponenti sindacali, “pensare di gestire una contrattazione senza migliorare le condizioni dei lavoratori sia attraverso la parte economica che normativa”. Nel giorno dello sciopero a sostegno della trattativa nazionale i sindacati terranno anche iniziative pubbliche di protesta.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli