fbpx

Abiti usati, in dieci anni cento tonnellate sottratte alla discarica

Rifiuti ed economia circolare: a Palermo la commissione Patrimonio e Bilancio ha incontrato le realtà sociali che si occupano del recupero e del riuso degli abiti, in occasione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

Cento tonnellate di indumenti sottratti alla discarica per essere riutilizzati o riciclati ed un valore economico di oltre tre milioni di euro. Questo il risultato di circa dieci anni di attività delle realtà sociali che a Palermo si occupano del recupero e del riuso degli abiti, in un’ottica di economia circolare. È quanto emerso ieri, nel corso di un incontro che la commissione consiliare Patrimonio e bilancio ha tenuto presso il bene confiscato alla mafia di via Casella, gestito dalla cooperativa Al Reves e al quale hanno partecipato anche Emmaus e Legambiente. L’incontro, in occasione della settimana europea per la riduzione dei rifiuti, è servito per fare il punto sulla situazione in città in questo importante settore che unisce tutela dell’ambiente ed economia. Non a caso, il titolo della settimana europea è legato proprio al “Tessile circolare e sostenibile” con lo slogan “I rifiuti sono fuori moda”. I consiglieri della commissione hanno sottolineato che “in un periodo nel quale affrontiamo una grave crisi globale dovuta all’inquinamento, è un dovere dell’azione politica anche locale quello di supportare, proteggere ed incentivare le realtà associative e cooperative che attivano processo sociali legati al riuso, anche per l’importante ruolo sociale svolto nel dare nuova vita a indumenti e altri beni, rimettendoli in circolo nel mercato a prezzi calmierati”.

Occorrono magazzini per la raccolta dei materiali

La commissione si è detta pronta a interloquire con l’amministrazione e contribuire così alla ricerca di locali da potere destinare a magazzini per la raccolta di materiali da riuso e riciclo, a creare un tavolo tecnico fra amministrazione, aziende ed enti del privato sociale per promuovere l’organizzazione di campagne di sensibilizzazione e di promozione. La commissione si occuperà anche del problema posto alla operatività degli enti del privato sociale dal provvedimento regionale che vieta l’attività ambulante da parte delle cooperative sociali o associazioni no profit. Le organizzazioni presenti all’incontro, la cooperativa Al Revès, Emmaus Palermo e Legambiente Palermo hanno dichiarato che “un cambiamento culturale e comportamentale da parte dei cittadini si può raggiungere solo grazie a un cambiamento della visione politica dell’amministrazione sul tema dei rifiuti. È necessario attuare politiche di riduzione della produzione dei rifiuti, anche attraverso il riuso e il riutilizzo e di gestione dei servizi di raccolta che puntano a monte alla raccolta separata e puntuale dei rifiuti e a valle al riciclo della materia prima seconda”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,945FansMi piace
511FollowerSegui
341FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli