fbpx

Agricoltura, dalla Regione dieci milioni per sostenere innovazione e filiere corte

Le risorse sono divise in due bandi che saranno pubblicati nelle prossime ore. Per l'assessore regionale Toni Scilla permetteranno al settore di "accelerare sulla transizione ecologica"

Nuove risorse per l’agricoltura siciliana, per stimolare gli investimenti in innovazione e promuovere le filiere corte e i mercati di nicchia. Sono questi gli oggetti di due bandi che la Regione siciliani pubblicherà nelle prossime ore. Quello più consistente, con una dotazione finanziaria pari a sei milioni di euro, riguarda la sottomisura 16.1 del Programma di sviluppo rurale della Regione Siciliana, che punta a favorire la costituzione dei Gruppi operativi del Partenariato europeo per l’innovazione (PEI) in materia di produttività e sostenibilità. Tali gruppi, anticipa l’assessore regionale all’Agricoltura Toni Scilla, “ruoteranno attorno ad un’idea progettuale concreta, destinata a tradursi in un progetto innovativo e coerente con i fabbisogni del territorio”.

Leggi anche – Agricoltura, un bando per promuovere i prodotti siciliani di qualità certificata

Misura in due fasi

La misura sarà attuata in due fasi, la prima setting-up, è finalizzata a favorire la costituzione dei Gruppi operativi, tramite un’attività di animazione territoriale volta a diffondere le informazioni inerenti l’idea innovativa a ricercare soggetti da coinvolgere e a predisporre gli studi di fattibilità, anche con l’ausilio di un facilitatore. Il “prodotto finale” di questa fase sarà la proposta di Piano di progetto da presentare nella seconda fase finalizzata all’attuazione del Piano di progetto e alla costituzione formale del relativo gruppo operativo.

Leggi anche – Fondi europei in agricoltura: in Sicilia i commercialisti certificano le spese

I soggetti ammessi al bando

“Il governo Musumeci ambisce ad innovare un settore già strategico di per sé. I progetti di innovazione consentiranno di affrontare le sfide che caratterizzano l’attività agricola: il cambiamento climatico, la caratterizzazione qualitativa delle produzione e la biodiversità”, aggiunge Scilla, “Avviare un processo di rinnovamento equivale a definire un settore che accelera sulla transizione ecologica, che punta verso modelli colturali agro-ecologici e verso l’economia circolare, divenendo così polo di attrazione e opportunità per i nostri giovani”. Possono far parte dei Gruppi operativi: imprese agricole, forestali e alimentari (da sole o in forma associata); università, centri studi e istituti di ricerca, pubblici e privati (detentori dell’innovazione); aziende sperimentali, centri o laboratori sperimentali (attuatori dell’innovazione); società e consulenti/tecnici e innovation broker.

Leggi anche – Maltempo, Cia Sicilia: “Agricoltura in ginocchio, la Regione intervenga”

Sostegno alle filiere corte

Come detto, il secondo bando punta a sostenere le filiere corte e i mercati di nicchia. Questo l’obiettivo del bando rivolto alla cooperazione di filiera orizzontale e verticale, tra operatori impegnati nella produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, loro associazioni e cooperative che sarà pubblicato domani, con una dotazione finanziaria di quattro milioni di euro, relativo alla Sottomisura 16.4 – Filiere corte e mercati locali del Programma di sviluppo rurale della Regione Siciliana.

Leggi anche – Agricoltura, la filiera del nocciolo è operativa: la Regione firma il decreto

Promuovere l’identità dell’isola

“Lo scopo del bando, in linea con la strategia Farm to Fork (dal produttore al consumatore) definita dalla Commissione Europea, è quello di creare e sviluppare filiere corte e mercati locali e sostenere attività promozionali a supporto”, spiega l’assessore Scilla. “Con la sottomisura 16.4 si intende sostenere la creazione di canali di mercato nazionali e internazionali per prodotti di nicchia, ridurre il numero dei soggetti intermediari ed, infine, favorire lo sviluppo economico di aree rurali marginali, creando opportunità di lavoro per gli operatori locali. Con l’attuazione di questa misura ci muoviamo su due binari paralleli”, continua Scilla, “su uno corre il senso di fiducia e di appartenenza al territorio da parte dei consumatori e degli operatori economici e, sull’altro, la promozione di una filiera produttiva fortemente identitaria e intrisa di storia, cultura ed emozioni”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
311FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli