fbpx

Assistenti sociali e psicologi, sbloccare i concorsi nei consultori

Secondo la Funzione pubblica e la Cgil di Catania, "è necessario non solo assumere ma anche stabilizzare molti lavoratori e si prevede che il 50 per cento dei posti venga destinato alle stabilizzazioni, soprattutto delle assistenti sociali"

Servono almeno 21 nuovi assistenti sociali e 18 nuovi psicologi nei consultori catanesi. La Regione ha però bloccato i concorsi, in attesa della nomina dei nuovi manager. Ora le nomine ci sono state. Serve quindi “abbandonare qualunque attendismo e operare in tempi brevi. Completare gli organici e la mappatura di queste strutture pubbliche che assicurano i servizi socio sanitari di base alla persona e alle famiglie”. Lo sostiene la Funzione pubblica e la Cgil di Catania, secondo cui “è necessario non solo assumere ma anche stabilizzare molti lavoratori. In questo caso le procedure concorsuali non sarebbero alternative alla trasformazione dei contratti di chi è già operativo. Nonostante ciò, si prevede che il 50 per cento dei posti venga destinato alle stabilizzazioni, soprattutto delle assistenti sociali. Appare invece più complesso il caso degli psicologi, a causa dei posti esigui destinati sia alle stabilizzazioni che alle procedure concorsuali.

Concorsi, non c’è più tempo da perdere

La procedura dei concorsi per entrambe le figure professionali è in corso. Le commissioni sono già state formate e l’iter porterebbe ad esiti certi. “Ora non c’è più tempo da perdere”. Lo sottolineano il segretario generale della Camera del lavoro, Carmelo De Caudo, e la segretaria generale della Funzione pubblica, Concetta La Rosa. Per funzionare a pieno regime è inoltre necessario che tutte le figure professionali operino a tempo pieno, cosa che al momento non accade. Intanto i cittadini catanesi continuano a spostare la propria residenza dalla città alla provincia. “Nei 33 consultori familiari distribuiti tra Catania e provincia, ad oggi mancano quattro ginecologi, nove psicologi, otto assistenti sociali. Personale essenziale se vogliamo dotare tutti i consultori delle quattro figure dell’équipe a tempo pieno e non solo per attività ambulatoriali interni. A Misterbianco e a San Giovanni Galermo i consultori sono stati chiusi mentre a Gravina la struttura è insufficiente”, sottolineano i segretari.

Tutti i numeri dell’attività dei consultori

In attesa che le assunzioni e le stabilizzazioni vengano effettuate, le attività dei consultori vengono comunque erogate utilizzando il personale a disposizione, seppure con difficoltà. Al momento i dati ufficiali riportano 120 mila prenotazioni annue, 10.500 visite ginecologiche, 9.328 pap test, 9.025 prestazioni psicologiche, 17 mila interventi di assistenti sociali. Prestazioni importanti, ma secondo i sindacati, “andrebbero irrobustite anche a fronte delle pressanti richieste. Sia sul fronte della prevenzione che nell’ambito della salute mentale. Lo sostengono La Rosa e De Caudo, secondo i quali “è importantissimo che la Regione si prenda carico di questo cambio di passo necessario. Nel frattempo in questa città, i consultori per le donne promossi da volontari in autogestione ma perfettamente funzionanti, vengono sgomberati. È il caso di via Gallo a Catania”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli