fbpx

Beni culturali, Cobas/Codir chiede gli arretrati 2020 alla Regione

Debiti fuori bilancio per pagare il personale. Questa la soluzione prospettata dai vertici del dipartimento regionale. "Procedura farraginosa e lunga", rispondono dal sndacato

Debiti fuori bilancio per pagare le prestazioni del personale dei Beni culturali rese nel 2020 per trattare delle aperture dei siti nelle giornate festive oltre i limiti di utilizzo previsti contrattualmente. Questa, dopo un ulteriore incontro al Dipartimento Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, è la soluzione riportata dalla Regione siciliana e riportata in sintesi da Michele D’Amico Responsabile regionale del Cobas/Codir per le politiche dei Beni culturali e Simone Romano Coordinatore regionale del Cu.Pa.S./Codir (Custodi del Patrimonio Culturale Siciliano), movimento che aderisce al Cobas/Codir. I due sindacalisti hanno incontrato il Dirigente Generale del dipartimento e questi “alla presenza del Capo di Gabinetto, oltre a dichiarare che per le prestazioni rese nel 2020, il personale potrà essere pagato con un debito fuori bilancio che, come è noto, prevede procedure farraginose e lunghe, il che, se confermato, equivarrebbe ad affermare che il medesimo personale sarà retribuito con notevolissimo ritardo, ha, altresì, rappresentato evidenti criticità nel reperire le risorse necessarie per pagare le prestazioni, oltre i limiti contrattuali, dell’anno in corso”, dicono D’Amico e Romano.

Criticità da risolvere. Chiesto intervento assessore

“In effetti – proseguono D’Amico e Romano – oggi, a distanza di una settimana esatta dall’ultimo incontro, le evidenti criticità hanno preso corpo, tant’è che il Vertice amministrativo si è presentato con un’ipotesi d’accordo irricevibile, non esigibile e che non supererebbe neanche il vaglio della Ragioneria. Nel frattempo, però, alcuni direttori museali hanno obbligato, sembrerebbe illegittimamente, il Personale, con la forza dell’ordine di servizio, a svolgere talune prestazioni lavorative non dovute e al di fuori delle previsioni contrattuali, mostrando poca attenzione verso il proprio Personale e mantenendolo in servizio a svolgere prestazioni lavorative di ben 24 ore continuative”. “Assistiamo inoltre – concludono i due sindacalisti di Cobas/Codir e di Cu.Pa.S./Codir – a una continua presa in giro da parte di quei direttori dei parchi archeologici che, grazie all’autonomia finanziaria, hanno tutte le carte in regola per pagare le prestazioni del proprio personale effettuate nel 2020 ma che, nonostante, un vibrante richiamo dal Dirigente Generale del dipartimento beni culturali, se ne infischiano e, per costoro, chiediamo all’Assessore Samonà la rimozione immediata. Ai nostri iscritti e, in genere, i lavoratori del settore diciamo di non farsi sfruttare e di non prestare più alcuna attività lavorativa durante le festività oltre quanto non preveda il contratto di lavoro; è fin troppo evidente e sotto gli occhi di tutti la strategia perditempo dell’Amministrazione Regionale, l’Assessore Samonà ci convinca del contrario”.

- Pubblicità -
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
262FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli