fbpx

Beni culturali, dopo quasi vent’anni tornano le visite nel tempio di Segesta

Le visite si svolgeranno durante tutta la giornata, ma ci saranno anche alcune aperture serali. Scarpinato: "Investire negli scavi e nell'arricchimento dell'offerta culturale"

I turisti potranno tornare a godere della bellezza del tempio dorico di Segesta. Dopo quasi vent’anni il maestoso edificio sacro – che finora era stato possibile ammirare solo dall’esterno, per motivi di sicurezza – è stato riaperto al pubblico. Le visite si svolgeranno durante tutta la giornata, ma ci saranno anche alcune aperture serali. A comunicarlo l’assessore regionali ai Beni culturali e all’identità siciliana, Francesco Paolo Scarpinato, per il quale la riapertura del tempio “aggiunge un altro tassello alla migliore fruizione di questo straordinario sito archeologico”. L’attenzione del governo Schifani verso il comparto, assicura, è massima. “Le recenti scoperte nell’area della cosiddetta Casa del Navarca, nell’acropoli sud dell’insediamento, ossia l’antica strada lastricata che tagliava Segesta e l’altare decorato di età ellenistica, e la grande attenzione che hanno suscitato confermano che bisogna investire negli scavi archeologici e nell’arricchimento dell’offerta culturale accessibile al pubblico”, ha osservato infatti Scarpinato.

Le opere visitabili

All’interno del tempio si troverà anche una delle installazioni di Elyma di Gandolfo Gabriele David, innescando riflessioni sul senso del sacro e sul rapporto con la natura. La mostra, curata dallo storico dell’arte Lori Adragna e dal direttore del Parco archeologico di Segesta, Luigi Biondo, organizzata da MondoMostre per il Parco archeologico, si snoda in un percorso punteggiato dalle opere e arricchito da una sezione curata dalle archeologhe Maria Cecilia Parra e Chiara Michelini, impegnate da anni nelle indagini archeologiche dei siti siciliani di Segesta e di Entella. La mostra è stata inaugurata ieri sera alla presenza, tra gli altri, del dirigente generale del dipartimento Beni culturali e dell’identità siciliana, Mario La Rocca, e del direttore del Parco, Biondo. Sarà visitabile fino al 19 maggio 2024.

Gli orari delle visite

Prevista anche un’apertura serale del tempio, oggi, domani e domenica 9 luglio, poi 14, 15 e 16 luglio, 1, 2 e 3 settembre, dalle 20 alle 24. Il tempio, inoltre, resterà aperto durante le serate dal 21 al 23 luglio e dal 28 luglio al 27 agosto, in base alla programmazione rispettivamente del KFestival – festival di letteratura e del Segesta Teatro Festival. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli