fbpx

Casa di Pirandello, Regione reintegra i dipendenti. Cobas: ora rilanci la cultura

Si chiude con il ritorno in servizio del personale la vicenda della magione del premio Nobel nell'agrigentino. Il sindacato chiede azioni concrete per il rilancio del settore

“Il dieci dicembre scorso il Personale di ruolo di Museo Casa Natale Luigi Pirandello è stato, incredibilmente, messo da parte da una arrogante e illegittima azione amministrativa posta in essere da taluni Uffici del Dipartimento Beni Culturali”. A dichiararlo, annunciando il reintegro dei dipendenti regionali coinvolti, sono Michele D’Amico responsabile regionale del Cobas/Codir per le politiche dei beni culturali e Simone Romano coordinatore regionale del Cu.Pa.S./Codir (Custodi del Patrimonio Culturale Siciliano), movimento che aderisce al Cobas/Codir. “Con precedenti comunicati”, commentano i due sindacalisti di Cobas/Codir e di Cu.Pa.S./Codir, “abbiamo denunciato una serie di violazioni di norme costituzionali e di leggi di settore e abbiamo posto la questione all’attenzione dell’opinione pubblica attraverso alcune testate giornalistiche online che hanno avuto la sensibilità di raccogliere le nostre denunce e darci voce”.

Leggi anche – Agrigento, riapre la Casa di Pirandello: visite guidate con la voce di Leo Gullotta

L’impegno del sindacato

“Abbiamo sempre pensato”, continuano i due sindacalisti, “che, contro l’arroganza di taluni pezzi dell’amministrazione regionale, solo chi non lotta ha già perso e, al contrario, il Cobas-Codir ha lottato e affrontato la sfida a viso aperto, consapevole delle ragioni e dei diritti dei lavoratori che, giammai, possono essere impunemente calpestati a favore di oscure manovre tese ad affidare servizi, che devono essere pubblici per legge, a privati. Alla fine, comunque, ha vinto la ragionevolezza; infatti, un semplice, quanto sgangherato atto amministrativo non può certo modificare norme di rango costituzionale e di legislazione primaria”.

Leggi anche – Beni culturali, per Cobas/Codir “nulla di fatto” sugli arretrati del 2020

Rilanciare i beni culturali

“Nell’agenda che il sindacato vuole sottoporre”, concludono Michele D’Amico e Simone Romano, “per il rilancio del settore, puntiamo a un impegno del governo regionale per superare le carenze igienico-sanitarie di gran parte dei siti e degli uffici dei beni culturali, avviare una fase di ammodernamento dei fatiscenti sistemi di impianti di sicurezza, avviare un serio piano di formazione mirato per migliorare la qualità della risposta che il sistema dei beni culturali è tenuto a offrire alla collettività. In buona sostanza chiediamo di avviare un’immediata stagione di confronto per rilanciare investimenti e ammodernamento dell’amministrazione, tendente a qualificare l’intero sistema dei beni culturali regionali e la qualità delle condizioni lavorative di tutto il personale”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
311FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli