fbpx

Case-vacanza: le più care a Panarea, Marina di Ragusa sorpassa Taormina

L'isola delle Eolie entra nella top 12 nazionale. I dati dell'Osservatorio nazionale immobiliare turistico 2022 di Fimaa-Confcommercio (Federazione italiana mediatori agenti d’affari, aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia), elaborati insieme a Nomisma

Comprare una casa vacanze può costare fino a 9.000 euro al metro quadrato a Panarea, mentre per prenderne una in affitto in alta stagione, ad agosto, possono essere necessari anche 3.000 euro per una settimana, a Salina. Inoltre, Marina di Ragusa supera, con i suoi 5.000 euro/mq, la perla dello Jonio, Taomina, che richiede fino a 4.400 euro/mq per l’acquisto di una casa. Dopo la consistente battuta d’arresto provocata dalla pandemia, si è riacceso l’interesse della domanda, sia di acquisto che di locazione, verso il mercato italiano delle abitazioni per vacanza, in uno scenario di ripresa dei flussi turistici che ha fatto registrare un dinamismo nelle compravendite. “Le transazioni delle abitazioni nelle località turistiche italiane sono aumentate del 41,1 per cento nel 2021 rispetto al 2020, con un’intensità di gran lunga superiore agli anni precedenti”, secondo i dati dell’Osservatorio nazionale immobiliare turistico 2022 di Fimaa-Confcommercio (Federazione italiana mediatori agenti d’affari, aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia), con la collaborazione di Nomisma, che ha monitorato l’andamento del mercato immobiliare di un panel di località turistiche in Italia, attraverso l’analisi dei dati di compravendite e locazioni di 141 località di mare e 76 di montagna e lago.

Aumento medio annuo dei prezzi delle case vacanza nelle regioni (Fonte: Nomisma e Fimaa-Confcommercio)

Leggi anche – Aste immobiliari, la Sicilia e Catania da primato negativo. Lo studio Sogeea

Case-vacanza in Sicilia più care dell’1,5 per cento

Nella maggior parte delle regioni l’aumento medio annuo dei prezzi delle case vacanza oscilla tra l’1 per cento e il 4 per cento, rispetto ad una media nazionale del 3,2 per cento. Le regioni che hanno registrato l’incremento dei valori più intenso sono la Lombardia e le Marche (+7,0 per cento), seguite da Campania e Molise (+6,0 per cento). Il Piemonte è l’unica regione a registrare un calo dei prezzi medi, seppur di entità modesta (-0,4 per cento), mentre la Sicilia si attesta su un incremento dell’1,5 per cento. Tra le località siciliane prese in esame da Fimaa e Nomisma, spicca Panarea: la suggestiva e ricercata isola delle Eolie si fa notare per i prezzi di acquisto, che oscillano tra i 6.000 e i 9.000 euro al metro quadro per un appartamento top o nuovo. Con questo valore di mercato, Panarea entra nella speciale classifica dell’Osservatorio prezzi al 12esimo posto, reginetta sicula di quel sentiment che vede sia il numero di compravendite che i prezzi tendere all’aumento. A seguire, tra le località siciliane, Marina di Ragusa che tocca i 5.000 euro al metro quadro e Taormina con 4.400 euro al metro quadro, sempre considerando come riferimento un appartamento tra i migliori disponibili sul mercato o di nuova costruzione.

Prime 12 località in Italia per prezzi massimi di compravendita di appartamenti top o nuovi (Fonte: Nomisma e Fimaa-Confcommercio)

Leggi anche – Riforma del catasto, l’esperto: “Rendite riviste e caccia agli immobili invisibili”

Tirrito: “Così Marina di Ragusa ha superato Taormina”

“Tutte le località siciliane – osserva Ivan Tirrito, presidente Fimaa Sicilia – hanno mantenuto dei prezzi in lieve ascesa. Castellammare del Golfo ha avuto una certa risonanza, come altre località del Trapanese, mentre Marina di Ragusa ha addirittura superato Taormina: un’ascesa galoppante, frenata solo da una mancanza di identità fortemente turistica, a differenza di Panarea e Taormina che sono storicamente turistiche. A Marina i prezzi delle compravendite sono aumentati moltissimo, mentre le locazioni, proprio per la mancanza di identità prettamente turistica, sono rimasti accessibili. I motivi stanno nei grandi investimenti da parte dell’amministrazione pubblica, come le strutture portuali e di accoglienza, il centro sportivo appena inaugurato, un nuovo centro commerciale, la pista ciclabile completata, la località in generale ben curata. L’unico freno a questa galoppata sta nei collegamenti: un aeroporto che non decolla, una Catania-Ragusa pessima in attesa di avere l’autostrada. Tuttavia prevedo un salto di qualità nei prossimi due o tre anni. In generale penso che il numero di transazioni in Sicilia – sottolinea Tirrito – sia aumentato anche per via delle agevolazioni statali, come quella per gli under 36 che vogliono comprare casa, ma è una crescita anomala, forse una bolla. Diversamente non si spiegherebbe come siano addirittura raddoppiati i fatturati delle agenzie immobiliari”.

Prezzi medi di compravendita, minimi e massimi, di case per vacanza nelle principali località turistiche della Regione (€/mq, fonte: Nomisma e Fimaa-Confcommercio)

Leggi anche – Taormina, il promoter Rapisarda: “Rinunciare ai concerti mossa suicida”

Monitorare il mercato: concertazione con lo Stato

“Va scongiurato il rischio – esorta Santino Taverna, presidente nazionale Fimaa – che il settore possa diventare preda dei grandi gruppi internazionali, orientati più alla massimizzazione dei profitti che alla qualità dei servizi da offrire ai consumatori. Per sostenere il turismo, di fondamentale importanza per l’economia del Paese è auspicabile che il prossimo governo coinvolga le associazioni di categoria e gli operatori del settore per un Osservatorio del comparto turistico, che monitori tale mercato e fornisca indicazioni utili e propositive anche per la regolamentazione delle locazioni brevi turistiche, evitando disparità di normative tra le varie Regioni”. Per Luca Dondi, amministratore delegato di Nomisma, “le famiglie italiane hanno avvertito l’esigenza di privilegiare dopo la pandemia impieghi in grado di coniugare percezione di sicurezza e possibilità di godimento e gratificazione. Proprio quello che nell’immaginario collettivo rappresenta l’investimento immobiliare”, mentre sulle soluzioni abitative interviene Fabrizio Savorani, referente settore turistico Ufficio studi Fimaa, “Oggi l’utente medio cerca una casa per vacanze da acquistare o locare che abbia standard e servizi di qualità. La pandemia ha spostato l’attenzione su soluzioni indipendenti o semindipendenti, con giardino o terrazzo panoramico”.

Canoni minimi e massimi medi settimanali ordinari dell’appartamento più richiesto, composto da camera matrimoniale, cameretta, cucina e bagno, 4 posti letto, spese incluse (€/settimana, fonte: Nomisma e Fimaa-Confcommercio)

Leggi anche – Imu: a Siracusa la seconda casa costa più di una di lusso a Caltanissetta

- Pubblicità -
Agostino Laudani
Agostino Laudani
Giornalista professionista, nato a Milano ma siciliano da sempre, ho una laurea in Scienze della comunicazione e sono specializzato in infografica. Sono stato redattore in un quotidiano economico regionale e ho curato la comunicazione di aziende, enti pubblici e gruppi parlamentari. Scegliere con accuratezza, prima di scrivere, dovrebbe essere la sfida di ogni buon giornalista.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
326FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli