fbpx

Catania, accordo sulla gestione dei rifiuti. Cgil, Cisl e Uil: tutelati i lavoratori

I sindacati catanesi soddisfatti per la soluzione "a zero esuberi". Restano le preoccupazioni sul "lotto centro", andato più volte deserto e riassegnato provvisoriamente alla Dusty

L’ordinanza sindacale che assegna la gestione del servizio di raccolta rifiuti per il lotto Catania centro alla Dusty è oramai ufficiale. La novità è che è stato raggiunto anche l’accordo “a zero esuberi” per il passaggio del personale alle ditte subentranti. Lo comunicano Fp Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Fiadel di Catania che in una nota congiunta spiegano che tutto il personale sarà suddiviso tra le due ditte vincitrici dei due lotti Catania Sud e Nord, la Ecocar e la Supereco, e la stessa Dusty che continuerà a gestire provvisoriamente il lotto Catania centro.

Leggi anche – Sicilia, condannati alle discariche e all’esportazione dei rifiuti. A caro prezzo

I dubbi sul “lotto centro”

“Siamo soddisfatti del risultato della trattativa sul ‘passaggio di cantiere’ dell’appalto che regola il servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento di tutti i rifiuti urbani ed altri servizi di igiene pubblica all’interno dell’ARO Città di Catania”, dichiarano i rappresentanti sindacali. “Resta però l’incertezza della gara per il ‘lotto centro’ che è andata deserta svariate volte e che ha visto il fallimento di ogni tentativo di rimuovere gli eventuali ostacoli che hanno impedito alle imprese di partecipare; una circostanza questa che potrebbe non poco condizionare la qualità del servizio, che mira a coprire con il porta a porta tutta la città nel corso del 2022”.
Per ciò che riguarda i 137 lavoratori ancora da stabilizzare a tempo indeterminato – come stabilito dagli accordi  già stati stretti con la Dusty – i sindacati si ritengono già soddisfatti visto che “già in questa fase verranno in parte inseriti negli organici, mentre i rimanenti saranno inseriti in un elenco a esaurimento a cui tutti e tre i lotti attingeranno prioritariamente per i fabbisogni futuri”.

Leggi anche – Rifiuti a Catania, “trovata soluzione”. Pogliese invoca i termovalorizzatori

Coinvolti 850 lavoratori

L’accordo prevede anche, entro il prossimo mese, la convocazione delle organizzazioni sindacali per accelerare e dare priorità al percorso che porterà al superamento degli attuali part time che da anni attendono di essere trasformati in full time. È anche stata prevista la possibilità per i lavoratori di operare scambi concordati tra un lotto e l’altro, per favorire la collocazione dei dipendenti nei territori dove la prestazione è ritenuta più soddisfacente. I lavoratori catanesi del settore Igiene pubblica coinvolti in questo complicato passaggio sono 849. “Ora resta solo da augurarsi che tutte le istituzioni, a partire dalla Regione che in quattro anni di presidenza Musumeci nulla ha fatto per risolvere il problema dei rifiuti e delle discariche”, concludono Fp Cgil, FIT Cisl, Uil Trasporti e Fiadel di Catania, “si adoperino al meglio per rimuovere i rifiuti dalle strade e per portare la città a livelli apprezzabili di raccolta differenziata che la collochino dentro standard almeno minimi di civiltà”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
324FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli