fbpx

Catania, fusione Amt e Sostare. Ugl: “Pogliese prenda in mano la situazione”

L'ipotesi di fusione tra le due aziende, entrambe di proprietà dell'amministrazione comunale, è ancora in fase di dibattito in commissione consiliare. E il sindacato chiede un intervento del sindaco

Nuovo incontro questa mattina tra i sindacati etnei ed i rappresentanti del consiglio comunale di Catania, sul tema della fusione per incorporazione tra Azienda metropolitana trasporti (Amt) e Sostare. Il luogo di confronto per parlare del futuro delle due aziende, entrambe di proprietà dell’amministrazione comunale, è stata la seconda commissione consiliare, presieduta da Agatino Giusti, che ha ascoltato gli esponenti delle sigle confederali presenti in Sostare. “Non possiamo tirarci indietro di fronte ad un’iniziativa già in dirittura d’arrivo a livello statutario, anche se avremmo gradito un coinvolgimento più marcato da parte dell’Amministrazione stessa”, afferma il segretario provinciale della federazione Terziario di Ugl, Carmelo Catalano, che ha ribadito l’apertura dell’organizzazione sindacale nei confronti della procedura.

“Confluenza del personale senza danni economici”

“A questo punto, il compito del sindacato dovrà essere quello di accompagnare nel migliore dei modi i lavoratori di Sostare verso la transazione contrattuale da Terziario e commercio ad Autoferrotranvieri, poiché la legge è chiara ed inconfutabile anche dopo la giurisprudenza che fino ad oggi è stata prodotta sulla materia”, ha evidenziato Catalano. Che aggiunge “come Ugl preferiamo non alimentare false illusioni circa ipotesi contrattuali diverse. Ciò che ci preme di più, invece, sono i vari aspetti legati alla confluenza del personale che non può assolutamente essere danneggiato economicamente dalla creazione della società unica che, ricordiamo, sarà il frutto della combinazione tra due aziende allo stato attuale in salute”.

Nuova seduta alla presenza del sindaco

All’esponente di Ugl terziario fanno eco anche il segretario territoriale Giovanni Musumeci ed il segretario provinciale della federazione Autoferrotranvieri Giuseppe Scannella che, a nome della Ugl, si dicono “concordi con la volontà del presidente Giusti e della commissione di convocare una nuova seduta con la presenza del sindaco Salvo Pogliese, dell’assessore alle partecipate Roberto Bonaccorsi e dei presidenti Giacomo Bellavia e Luca Blasi, rispettivamente di Amt e di Sostare. È il momento che il primo cittadino a nome della città assuma l’onere di guidare in prima persona questa delicata fase di passaggio, perché se da una parte è comprensibile l’esigenza del Comune di operare la razionalizzazione e principalmente l’efficientamento delle risorse da proiettare nel futuro, dall’altro lato per noi della Ugl è prioritario assicurare, concretamente e senza strumentalizzazioni di sorta, la continuità economica ed operativa dei dipendenti.”

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli