fbpx

Catania, il comune con 2500 alloggi non partecipa al bando sul degrado

Il comune di Catania non ha utilizzato il bando per ottenere i fondi destinati al contrasto al degrado sociale ed urbanistico. Per i sindacati degli inquilini Sunia Sicilia e Catania si tratta di un fatto gravissimo

“Che il bando per ottenere i fondi, successivamente persi dal Comune di Catania, destinati al contrasto al degrado sociale ed urbanistico scadesse a marzo del 2021 è assolutamente vero. A suo tempo  lo ricordammo pubblicamente per scongiurare quello che invece è poi accaduto e anche per sollecitare un confronto. Non comprendiamo perché l’assessore Trantino dica che la città non abbia perso alcun appuntamento”. Lo precisano il Sunia Catania e il Sunia Sicilia in una nota congiunta.

Dal PNRR 230 milioni per la Sicilia

Aggiungono le due segretarie delle rispettive sigle, Agata Palazzolo e Giusi Milazzo: “Non è solo questa l’occasione perduta, almeno per quanto riguarda la rigenerazione urbana e la riqualificazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica. Il comune di Catania possiede un consistente patrimonio. Sono oltre 2500 gli alloggi popolari di proprietà del Comune, un patrimonio in gran parte degradato per mancanza di interventi costanti di manutenzione straordinaria. Il comune di Catania non ha ritenuto opportuno presentare alcun progetto per la messa in sicurezza, sia dal punto di vista sismico che energetico degli immobili, nonostante il Fondo complementare del PNRR abbia messo a disposizione della Sicilia 230 milioni di euro per la redazione di un piano regionale denominato  “Sicuro verde e sociale”.

“Catania ha deciso di non partecipare”

Dopo avere emanato un avviso nel novembre dell’anno scorso, la Regione Siciliana ha raccolto le proposte degli Iacp e dei Comuni e ha redatto il piano, poi presentato nei primi giorni di gennaio 2022 al Ministero delle Infrastrutture. Catania, o per svista o per disinteresse, ha scelto di non partecipare. “Riteniamo – continua la nota- che  sia un fatto gravissimo se si pensa alle tante famiglie che vivono in condizioni difficili in immobili degradati e insicuri. Se consideriamo poi che coordinando i progetti di rigenerazione urbana e di recupero del patrimonio ERP gli effetti degli interventi proprio sulle periferie sarebbero potenziati e incisivi, si evidenzia da sé la portata delle occasioni perdute a danno della collettività”. 

Per Sunia “manca una visione delle priorità della città”

Secondo Sunia Catania e Sunia Sicilia, manca poi una visione delle reali priorità per la città per mitigare le disuguaglianze. Per il sindacato degli inquilini “serve intervenire sul degrado fisico e ambientale e rendere la città sostenibile sia dal punto di vista sociale che urbanistico ed ambientale. – concludono Palazzolo e Milazzo- Un modo per scongiurare il ripetersi di queste sviste esiste,  ed è la piena trasparenza su finanziamenti e progetti e un pieno coinvolgimento nella programmazione delle parti sociali, delle associazioni e della città”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli