fbpx

Chiude Ottimax a Catania, 35 lavoratori trasferiti al Centro e Nord

Filcams Cgil provinciale ricorda come le organizzazioni sindacali avessero chiesto più volte di avviare una riorganizzazione o di utilizzare la Cassa integrazione per prendere tempo e cercare soluzioni di garanzia occupazionale per gli addetti

Ottimax Italia Spa  del Gruppo Bricofer a metà marzo ha comunicato la chiusura del punto vendita di Catania (San Giuseppe La Rena- ex Auchan) che avverrà entro la fine di maggio 2023,  adducendo “motivazioni di natura economica”. Ora l’azienda nega la cassa integrazione e comunica il trasferimento al centro nord dei 35 lavoratori di Catania. A comunicarlo è la Filcams Cgil provinciale, sottolineando che le organizzazioni sindacali avevano chiesto più volte di avviare una riorganizzazione o di utilizzare la Cassa integrazione per prendere tempo e cercare soluzioni di garanzia occupazionale per i 35 lavoratori addetti. Ma le diverse assemblee sindacali, gli scioperi e persino il “tavolo” apertosi con l’azienda grazie alla Prefettura di Catania al fine di ricercare soluzioni tampone per evitare il trasferimento, sono serviti a ben poco. La Ottimax Italia Spa, infatti, pur aprendo alla cassa integrazione straordinaria, pone la pregiudiziale di un accordo quadro di gestione temporale con il quale si garantisce da eventuali dinieghi del ministero. L’azienda chiede di fatto l’accettazione, da parte dei lavoratori interessati, dell’uso di aspettativa non retribuita, di ferie e di permessi maturati, inserendo una conciliazione tombale e prospettando una “non opposizione” al licenziamento. 

Foti “Strada sbarrata per i 35 lavoratori”

Ottimax Italia si è dunque rifiutata di proseguire in sede istituzionale la trattativa e ha annunciato l’invio delle lettere di trasferimento alle lavoratrici e ai lavoratori in tempi brevissimi. Per Davide Foti, segretario generale della Filcams Cgil Catania-Caltagirone, si tratta di “un atteggiamento inaccettabile che sbarra la strada ai 35 lavoratori del punto vendita di San Giuseppe La Rena. Trasferire un siciliano part time al nord equivale di fatto a un licenziamento. L’azienda si trincera dietro a preconcetti utili solo a garantirla dal punto di vista economico e a danneggiare irrimediabilmente i propri addetti. Stilare un accordo quadro dove il lavoratore rinuncerebbe a tutto, e cioè a stipendi, ferie, permessi e altro, solo per richiedere una cassa per cessazione attività, è un ricatto indegno e privo di motivazione valida. I tempi istituzionali erano alla portata di una Cassa integrazione utile a convocare la proprietà del centro commerciale per richiedere garanzie future. Questa vicenda prova come  molte aziende che approdano nel nostro territorio, utilizzino il nostro know how sfruttandolo al massimo per poi andarsene. La Filcams di Catania non lascerà passare questo ennesimo scippo perpetrato ai danni delle lavoratrici e lavoratori; valuteremo passaggi sia legali che di denuncia alle istituzioni”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli