fbpx

Comuni, in Sicilia più commissariamenti per i bilanci che per infiltrazioni mafiose

Nell'Isola oltre il 70 per cento degli enti è commissariato per inadempimenti finanziari, mentre i casi di scioglimento per mafia si contano sulla punta delle dita. Nella maggior parte dei casi le nomine spettano alla Regione, ma in caso di dissesto subentra Roma

Dimissioni del sindaco, inadempimenti finanziari, scioglimento per mafia. Sono diverse le ragioni che possono portare al commissariamento di un comune, e nella Regione siciliana si verificano pressoché tutte. Secondo i dati del dipartimento regionale delle Autonomie locali, sono circa 15 su 390 gli enti in cui gli organi democraticamente eletti sono stati sostituiti da un commissario. Assai maggiore il numero di Comuni per i quali è stato nominato un commissario ad acta per la mancata approvazione dei bilanci consuntivi. Secondo Anci Sicilia sono ben 278, più del 70 per cento del numero complessivo degli Enti. “Quello dei bilanci è ormai un problema strutturale, ed è verosimile che il prossimo anno, con la crisi energetica che stiamo vivendo, il numero cresca in maniera significativa”, dice a FocuSicilia il segretario di associazione dei comuni siciliani, Mario Alvano. Quanto agli altri tipi di commissariamento, “lo scioglimento per mafia è tra i più comuni, insieme alle dimissioni del sindaco”. In quest’ultimo caso, sottolinea il segretario, il commissariamento ha lo scopo di evitare “un vuoto di potere nel governo dell’ente, con gravi danni per l’intera comunità”.

Leggi anche – Enti locali che non incassano e quel macigno del disavanzo della Regione

I diversi tipi di commissario

A regolare la materia è l’articolo 145 della legge regionale 16/1963, dedicato all’ordinamento amministrativo degli enti locali siciliani. Il commissario può essere nominato in caso di dimissioni del sindaco, come avvenuto a Modica, nel ragusano, o a Mojo Alcantara, nel messinese. In questo caso a essere commissariata è l’intera giunta comunale, mentre il consiglio rimane in carica. Anche il caso di Catania – con le dimissioni del sindaco Salvo Pogliese presentate lo scorso agosto – rientra in questa fattispecie, ma il commissario non è ancora stato nominato e il vicesindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi rimane il rappresentante legale dell’Ente fino a nuovo ordine. C’è anche la possibilità che i consiglieri comunali si dimettano in blocco portando al commissariamento del senato cittadino: è ciò che si è verificato a Catenanuova, nell’ennese, e a Poggioreale, nel trapanese. Come detto, il consiglio può essere commissariato anche per la mancata approvazione del bilancio, come avvenuto a Siracusa. Tuttavia nella maggior parte dei casi, come detto, viene nominato un commissario ad acta per approvare il singolo documento finanziario.

Leggi anche – “Dissesto dei comuni primo passo per la svendita di beni e servizi pubblici”

La procedura di dissesto

Altri casi in cui può verificarsi la nomina di un commissario sono le dimissioni di diversi organi amministrativi, come avvenuto a Trabia, nel palermitano, dove hanno lasciato sia il sindaco che il presidente del consiglio comunale. C’è poi il caso della nuova costituzione di un ente per il quale non sia ancora stato possibile convocare le elezioni, come avvenuto a Misiliscemi, comune “neonato” del trapanese. Prendono gergalmente il nome di commissari anche i membri dell’Organismo straordinario di liquidazione (Osl), che si attiva in caso di dissesto finanziario di un comune. A regolare la materia è l’articolo 254 del Testo unico degli enti locali, che stabilisce che l’organo “provvede all’accertamento della massa passiva mediante la formazione, entro 180 giorni dall’insediamento, di un piano di rilevazione”. In caso di comuni con popolazione superiore a 250 mila abitanti o capoluogo di provincia – come ad esempio Catania, dove il dissesto è stato dichiarato nel 2018 – “il termine è elevato di ulteriori 180 giorni”. Per quanto riguarda l’Osl, la nomina non è di competenza del presidente della Regione siciliana, ma spetta direttamente al ministero dell’Interno.

Leggi anche – Comuni siciliani, crisi strutturale. Il segretario Anci: “I decreti non bastano”

Lo scioglimento per mafia

Altro caso in cui la competenza spetta a Roma e non a Palermo è lo scioglimento dei consigli comunali dovuto a “fenomeni di infiltrazione e di condizionamento di tipo mafioso o similare”. A disciplinare la materia è l’articolo 267 del Tuel, che stabilisce che la nomina dei Commissari spetta al consiglio dei Ministri, su proposta del Guardasigilli. In Sicilia si riscontrano diversi casi. Risultano sciolti per mafia i Comuni di Bolognetta, Partinico e San Giuseppe Jato (in provincia di Palermo), Calatabiano (Catania), Tortorici (Messina) e Barrafranca (Enna). Per Alvano si tratta della forma di commissariamento più traumatica. “Lo scioglimento per mafia può bloccare la vita democratica di un ente per un periodo molto lungo, a volte anche per qualche anno”. Negli ultimi tempi la legge è stata oggetto di critiche, perché tenderebbe a colpire gli organismi democratici più che i corpi amministrativi dei comuni. “La norma ha sicuramente una grande importanza, ma in alcuni casi ha portato delle degenerazioni, visto che i condizionamenti criminali possono riguardare anche gli organi non elettivi di un Ente, e dunque la norma rischia di non essere pienamente efficace”, conclude il segretario regionale dell’Anci.

- Pubblicità -
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci (Catania, 1992), è giornalista pubblicista e scrittore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
329FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli