fbpx

Disabili, Teatri e Comuni, i soldi ci sono. Nuovi emendamenti del governo

I soldi che prima non c'erano sono adesso disponibili dopo "un serrato confronto col Mef e di un analitico e puntuale approfondimento svolto dagli uffici dei Dipartimenti Finanze e Ragioneria generale – bilancio e dell'Assessorato"

Superato il problema della copertura economica relativa al Fondo per la disabilità, nonché quello per i Teatri, i Comuni e i Liberi consorzi sia per l’anno in corso che per gli esercizi 2023-24. Lo comunica l’assessore all’economia Gaetano Armao rassicurando quanti avevano sollevato perplessità in merito. I soldi che prima non c’erano sono adesso disponibili dopo “un serrato confronto col Mef e di un analitico e puntuale approfondimento svolto dagli uffici dei Dipartimenti Finanze e Ragioneria generale – bilancio e dell’Assessorato”, comunica Armao. Approfondimenti che sono successivi all’approvazione dei documenti finanziari in Giunta ed alla loro presentazione all’Assemblea ecco perché il governo propone adesso due emendamenti. “Le integrazioni con l’effetto di determinare ingenti sblocchi di spesa, a valere sulle entrate tributarie vanno ripartite su due principali imposte: Iva e Ires.

Come verranno usati

L’assessore parla di “significative risultanze finanziarie” che il governo ha deciso di distribuire con due emendamenti. Il primo è legato all’esercizio 2022 “dell’importo complessivo di 220 milioni di euro che determinerà lo sblocco integrale di spesa relativa al Fondo per la disabilità, e per quanto concerne i Teatri e di buona parte di quello relativo ai contributi di parte corrente in favore dei Comuni e dei liberi consorzi”. Il secondo fa riferimento invece agli esercizi 2023-24 e servirà a coprire “quota parte della spesa per fondo della disabilità e ripristinare la triennalità in favore per i Teatri e per i Comuni e dei liberi consorzi, offrendo prospettive finanziarie prima non rinvenibili e che sostanzialmente segnano un significativo passo avanti”.

Iva

“In data 27 Aprile 2022 il Ministero dell’Economia, dopo un approfondito confronto e su sollecitazione del Dipartimento Finanze, ha comunicato – anticipatamente rispetto all’ordinario termine di trasmissione – il valore del conguaglio a saldo per il 2020.
Valore che, – spiega l’assessore Armao – a fronte di una previsione negativa di circa 200 milioni di euro per il 2022, a seguito del richiamato conguaglio si riduce drasticamente fino a circa 30 milioni di euro. Tale modifica consente, quindi, una minore riduzione della previsione in bilancio sulle entrate dell’Iva relativa al 2022 che passa, conseguentemente, da due miliardi di euro a 2,2 miliardi. Ne discende pertanto che la nuova previsione sul 2022 determini un ribaltamento integrativo anche delle previsioni sul 2023 e 2024 di pari importo (200 milioni di euro)”.

Ires

“A seguito di approfondimenti e confronti con le autorità finanziarie e su proposta del Dipartimento finanze del 2 maggio è stata incrementata la previsione in entrata di detto tributo di 70 milioni di euro nella considerazione che l’andamento medio dell’ultimo triennio si è attestato a circa 490 milioni di euro. Pertanto, questo può giustificare l’aggiornamento
di una prima previsione per il 2022 di 350 milioni di eurov(stima che a seguito dei detti confronti risulta eccessivamente prudenziale) che è stata integrata fino a 420 milioni di euro rendendo la previsione più strettamente correlata all’andamento del tributo del triennio precedente e non rinvenendosi più elementi conducenti per una contrazione della previsione”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
325FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli