fbpx

Elettricità, salasso in “salvaguardia”. Anci: “Costi insostenibili per i Comuni”

Nel biennio 2023-2024 le aziende e soprattutto gli enti locali dell'Isola avranno un sovra costo fisso di 202 euro a megawatt. L'associazione: "Liberare i Comuni dal paradosso del servizio di salvaguardia"

“Il vertiginoso aumento dei costi del servizio di salvaguardia dell’energia elettrica nel biennio 2023-2024 è assolutamente insostenibile per molti Comuni e, in particolare per gli Enti che vivono già una difficilissima condizione finanziaria, che sono stati costretti a dichiarare il dissesto o a predisporre piani di riequilibrio. Gli Enti locali siciliani sono in uno stato di grave disagio e, come abbiamo più volte denunciato, si trovano nella paradossale situazione  di dover pagare costi incommensurabilmente maggiori rispetto ad altre regioni d’Italia”. Questo emerge dalla nota  inviata, stamattina, all’Assessore regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica, Andrea Messina, al Presidente dell’Anci Antonio Decaro e ai presidenti delle Anci regionali.

In Sicilia il “parametro Omega” da 17,8 a 202 euro

Nella nota si evidenzia la condizione di forte disagio che vivono in particolare gli Enti locali del Sud Italia ai quali “viene addebitata una tariffa – si legge nella nota- che contiene oltre al Pun (Prezzo Unico Nazionale),  il c.d. ‘parametro Omega’,  un sovra costo che serve a tutelare gli operatori del mercato libero. Tale parametro è differenziato per area geografica e dal confronto tra il biennio 2021-2022 e il biennio 2023-2024 si evince chiaramente come il suo valore sia sensibilmente aumentato. Come emerge dai dati, infatti, per esempio, in Sicilia si è passati da un valore di 17,80 a un valore di 202,41”.
“Per onorare gli impegni economici con il fornitore energetico e per evitare che i comuni si trovino costretti a razionalizzare l’illuminazione pubblica, il trasporto locale o il riscaldamento delle scuole  o a sospendere del tutto  l’erogazione di altri servizi fondamentali per cittadini e imprese – dichiarano Paolo Amenta e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale dell’Anci Sicilia –  è necessario un immediato intervento da parte del Ministero delle Imprese e del Made in Italy e dell’Arera (Autorità di Regolazione per l’Energia, Reti e Ambiente) affinché siano avviate le necessarie iniziative di carattere normativo e finanziario per evitare il peggioramento delle condizioni finanziarie degli Enti”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli