fbpx

Energia, l’Hydrogen Lab di Enel nel siracusano vince finanziamento Ue

L'impianto, che sorgerà tra Sortino e Carlentini, punta a "ridurre la dipendenza dai combustibili fossili ed accelerare la decarbonizzazione". Le caratteristiche della struttura

L’Hydrogen Industrial Lab di Enel Green Power è tra i progetti italiani beneficiari del finanziamento IPCEI Hy2Tech, il fondo con una dotazione complessiva di 4,5 miliardi di euro messo a disposizione dall’Unione europea per lo sviluppo d’iniziative d’interesse strategico incentrate sull’idrogeno. L’Hydrogen Industrial Lab di Enel Green Power, concepito nell’ambito di Nexthy, l’iniziativa dell’azienda nata per accelerare l’implementazione delle tecnologie e del business dell’idrogeno verde, è un laboratorio d’innovazione su scala industriale che sorgerà in Sicilia tra i comuni di Sortino e Carlentini. “Siamo orgogliosi che Nexthy sia tra le iniziative d’interesse strategico selezionate dall’Unione Europea nell’ambito del prestigioso IPCEI Hy2Tech, che premia i progetti più innovativi e promettenti sull’idrogeno. Questa piattaforma sarà il luogo ideale per creare sinergie virtuose con il mondo delle start-up e con le eccellenze della ricerca e rispondere a una delle principali sfide cui si trova di fronte l’Europa: ridurre la dipendenza dai combustibili fossili ed accelerare la decarbonizzazione”, dichiara Salvatore Bernabei, Ceo di Enel Green Power.

Risposta al “climate change”

“Proprio come la Silicon Valley è il posto migliore per il digitale, l’Etna Valley sta diventando la ‘Energy Valley’, ovvero il posto migliore per la rivoluzione energetica mondiale. Qui l’iniziativa NextHy, anche grazie al finanziamento IPCEI Hy2Tech, permetterà di lavorare in pieno spirito Open Innovability, con un’infrastruttura unica in grado di connettere fornitori di tecnologia, partner industriali, system integrator, centri di ricerca, venture capitalist e start-up di tutto il mondo. Un ecosistema, con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo delle tecnologie di produzione di idrogeno verde. Open Innovability per noi è la risposta al cambiamento climatico: condividere le sfide tecnologiche e sociali che questo comporta con gli innovatori di tutto il mondo per, tutti insieme, gestire una transizione energetica verso un modo di generare e distribuire energia che sia veramente sostenibile”, commenta Ernesto Ciorra, Chief Innovability officer di Enel.

Infrastruttura all’avanguardia

Il laboratorio faciliterà la collaborazione con startup e player globali per sviluppare, sperimentare e validare nuove tecnologie di produzione e stoccaggio di idrogeno verde in maniera integrata con il business, con l’obiettivo di contribuire alla riduzione dei costi di questa tecnologia, necessaria per favorire la decarbonizzazione dei settori hard to abate, ovvero quelle industrie in cui l’elettrificazione diretta non è tecnicamente efficiente o economicamente conveniente. L’infrastruttura, unica nel suo genere, sarà integrata a un sistema di elettrolisi da 4 MW che fungerà da riferimento per le tecnologie innovative. Si tratta di un progetto ambizioso che garantirà una riduzione delle emissioni di CO2 dei partner: grazie all’accordo con Sapio, infatti, con l’Industrial Lab NextHy, l’idrogeno verde prodotto sarà utilizzato da aziende che guardano a questa fonte rinnovabile come la soluzione per la decarbonizzazione dei propri processi produttivi.

Accelerare il percorso

Il laboratorio ospiterà sperimentazioni nei campi degli elettrolizzatori, dei sistemi di stoccaggio e dei componenti accessori come, ad esempio, compressori, strumentazione, valvole, nuovi materiali e tutto ciò che è necessario per movimentare l’idrogeno e sarà alimentato completamente da energia verde attraverso l’impianto eolico di Carlentini, connesso alla rete elettrica. Ciò consentirà ai soggetti coinvolti di testare non solo l’efficienza e l’affidabilità delle proprie tecnologie di elettrolisi, ma anche la loro capacità di offrire servizi di flessibilità alla rete. L’obiettivo è quello di accelerare il percorso verso la commercializzazione di tali tecnologie, offrendo ai partner un ambiente completamente rappresentativo del business in cui opereranno. L’Hydrogen Industrial Lab rappresenta il contributo del Gruppo allo sviluppo e innovazione delle tecnologie legate alla produzione dell’idrogeno verde.

Troppo idrogeno “fossile”

Per permettere a questa tecnologia di contribuire nel medio e lungo termine a combattere il cambiamento climatico, l’innovazione si affiancherà allo scaleup dell’industria degli elettrolizzatori. Come segnala il Green Hydrogen Factbook realizzato da Enel, attualmente infatti a livello globale ben il 99 per cento dell’idrogeno è ancora prodotto da combustibili fossili. Una tendenza che sarà possibile invertire soltanto attraverso un impegno concreto a testare soluzioni innovative in grado di ridurre i costi di produzione dell’idrogeno verde. Anche su questo fronte il Gruppo Enel sta facendo la propria parte sviluppando progetti in vari Paesi del mondo, tra cui Cile, Spagna, Stati Uniti e Italia, proprio con quest’obiettivo.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
326FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli