fbpx

Ersu siciliani, Lagalla: “Finanziato il 96 per cento delle borse di studio”

Per l'assessore regionale all'Istruzione, il risultato consentirà di ottenere una ulteriore premialità nazionale nel prossimo anno accademico

Tutti gli studenti universitari che hanno richiesto una borsa di studio in Sicilia, e sono considerati idonei per l’anno accademico 2020-21, la riceveranno. Lo ha comunicato l’assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla. “Si tratta di un eccellente risultato”, sottolinea l’assessore, “ottenuto grazie al cospicuo investimento che il governo Musumeci ha destinato a sostegno del diritto allo studio in un momento di emergenza pandemica e di grave difficoltà economica e sociale, mediante la riprogrammazione di economie derivanti da minori costi per la copertura di altri interventi, previsti dalla legge finanziaria regionale 2020 e già adempiuti”.

“Oltre 23 mila borse assegnate”

Alla data del 30 aprile scorso, sono state assegnate 23.262 borse di studio, pari al 96,7 per cento degli studenti aventi diritto, iscritti in università, accademie di belle arti e conservatori musicali dell’Isola, che hanno presentato regolare istanza agli enti regionali per il diritto allo studio (Ersu) di Palermo, Catania, Messina ed Enna. La spesa totale, comprensiva dei servizi erogati (mensa e posto letto), ammonta a 65 milioni di euro, ottenuti, oltre che dall’utilizzo dei contributi nazionali e della fiscalità universitaria, dall’impiego di risorse regionali per circa 22 milioni di euro, di fatto raddoppiando l’annuale contributo disposto, negli anni precedenti, dal governo regionale.

Leggi anche – Borse di studio, gli Ersu siciliani ultimi in Italia. Escluso un idoneo su cinque

“Obbiettivo copertura al 100 per cento”

Dall’inizio della legislatura si è registrato un progressivo aumento della percentuale complessiva di borse di studio erogate dagli Ersu, passata dal 60 per cento degli anni precedenti al 74 per cento del biennio 2018/2020, fino al 96,7 per cento di quest’anno. Grazie a ulteriori risorse che gli Ersu prevedono di liberare, a seguito dell’approvazione dei propri bilanci annuali, è facile ipotizzare che il risultato possa essere esteso fino al 100 per cento di soddisfacimento delle domande presentate a tutti gli enti dell’Isola che, per la prima volta, si allineano e convergono sul medesimo livello di copertura, superando le difformità del passato, caratterizzato da percentuali diverse nelle singole sedi universitarie.

Leggi anche – Covid, nuove linee guida nelle università siciliane. Cosa cambia a Catania

Nuova premialità nazionale

L’importo di ciascuna borsa varia da un minimo di circa milleduecento euro a un massimo di quattromila euro (comprensivo di milletrecento euro di contributo alloggio), in base alla condizione dello studente, in sede, pendolare o fuorisede, ed in relazione al valore del reddito individuale. “Questo straordinario risultato”, dice ancora regionale Lagalla, “mette in evidenza il grande impegno del governo Musumeci in favore del diritto allo studio degli studenti siciliani e delle loro famiglie. Esso si realizza in un momento di particolare disagio economico e sociale, dando risposta a tutte le istanze presentate, peraltro quest’anno molto più numerose di quelle mediamente avanzate negli anni precedenti. Inoltre, il superamento della soglia di copertura del 95 per cento permetterà alla Sicilia di avvantaggiarsi, nel prossimo anno accademico, di una ulteriore premialità nazionale. Continueremo a essere al fianco degli studenti, fornendo ogni strumento utile ad agevolare e incentivare il loro percorso formativo”.

Leggi anche – Università di Catania e Malta con Tech.mt, accordo per l’innovazione

Il commento dell’Ersu Palermo

“Sono veramente felice”, dichiara Giuseppe Di Miceli, presidente dell’Ersu di Palermo e coordinatore di quelli siciliani nell’ambito della Commissione regionale sul diritto allo studio, “che a poco più di un anno dall’insediamento del Cda dell’Ersu e della costituzione del Coordinamento regionale, sia stato raggiunto un così importante risultato per tutti gli studenti siciliani. Un ringraziamento va a tutti i presidenti degli Ersu, Livio Cardaci a Enna, Mario Cantarella a Catania, Pierangelo Grimaudo a Messina e a tutti i componenti dei Cda, rappresentanti dei docenti e degli studenti, per l’impegno profuso, che ha consentito questo storico risultato”.

Leggi anche – Regione, Università e Comune di Catania, accordi per il Turismo

Soddisfazione dell’Ersu Catania

“Esprimo grande soddisfazione, anche da parte del Consiglio di Amministrazione dell’Ersu di Catania per importante risultato raggiunto che arriva in un delicatissimo momento storico per il nostro paese e non solo”, ha commentato il presidente dell’Ersu di Catania, professore Mario Cantarella, “I nostri studenti possono avere un decisivo aiuto che permetterà di guardare con maggiore ottimismo al proprio futuro ed alla propria carriera universitaria. Un doveroso ringraziamento all’assessore Roberto Lagalla ed al Presidente della Regione, onorevole Nello Musumeci che hanno dimostrato grande sensibilità garantendo un’importante e robusto impegno economico per il diritto allo studio universitario. Infine, un sincero ringraziamento lo rivolgo a tutto il personale dell’ente che con grande impegno ci ha permesso di essere puntuali e tempestivi per cogliere questa opportunità offerta dalla Regione siciliana”.

Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
231FollowerSegui
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultimi Articoli