fbpx

Etna, il coraggio di cambiare. I nuovi progetti della Distilleria Russo

Accademia della distillazione e centro culturale: Anna Maugeri Russo racconta come sta cambiando la sua azienda, ricca di oltre 150 anni di storia. Una sfida nata dalla crisi provocata dal Covid e vinta con l'invenzione di nuovi prodotti naturali ed ecosostenibili

Due anni di pandemia, due anni di crisi, opportunità e tanti nuovi e innovativi progetti. La storia della Distilleria dell’Etna dei Fratelli Russo di Santa Venerina negli ultimi due anni è stata all’insegna delle difficoltà del Covid. Come è successo quasi per tutte le aziende. Ma c’è stata anche e soprattutto della forza di cambiare, di trasformare e di innovare. Una storia di cambiamenti e di scommesse vinte all’ombra del vulcano, e con un riferimento costante proprio al territorio. Protagonista di questa storia è Anna Maugeri Russo, direttore commerciale dell’azienda e moglie di uno dei proprietari. Una storia che FocuSicilia ha raccontato alcuni mesi fa, ma che a breve vivrà di nuova energia con iniziative legate alla formazione, alla cultura e alla valorizzazione del territorio.

Collaborazione con Università e Protezione civile

Anna aveva già cominciato il lavoro di rinnovamento dell’immagine di una delle poche distillerie rimaste attive in Sicilia, e con una storia che risale al 1870. Alla fine del 2019 aveva lanciato nuovi prodotti e avviato anche un lavoro di restyling grafico dei riferimenti aziendali. Pochi mesi dopo però il Covid aveva bloccato le iniziative commerciali e chiuso il canale Horeca (Hotel, ristoranti, catering) provocando una forte crisi all’impresa. Poi, la collaborazione con l’Università di Catania e con la Protezione civile regionale e la fornitura di grandi quantità di alcol puro per fini sanitari nel momento in cui disinfettanti e igienizzanti erano introvabili.

Prodotti naturali e sicuri

Quell’esperienza aveva indotto Anna Russo a inventare una nuova costola dell’azienda, la Russosan, specializzata in igienizzanti naturali a base di alcol alimentare. Prodotto di punta il Prontigen, spray per la igienizzazione di superfici e alimenti e per la pulizia delle mani delicate dei bambini. “Un prodotto – dice Anna Russo – del tutto naturale, innocuo e sicuro anche per i bambini delle scuole, per i malati, per le donne in gravidanza”. Un prodotto di successo per il suo carattere innovativo, servito anche per supportare economicamente enti benefici e assistenziali e per la fornitura gratuita in eventi sportivi e culturali sotto forma di sponsorizzazione. Un’intuizione da cui è nata una linea di prodotti per l’igienizzazione naturale, senza chimica, di alimenti, superfici e per tanti altri usi. Una iniziativa di cui oggi Anna Russo si dice “soddisfatta per gli obiettivi raggiunti, anche se dal punto di vista commerciale siamo agli inizi”.

Presenza attiva sul territorio

Ma anche una iniziativa che ha costituito un punto di avvio di molti altri progetti, di formazione, culturali e di presenza attiva sul territorio. Progetti che Anna Russo racconta in questa intervista a FocuSicilia. Guarda il video

Azienda aperta e inclusiva

Sul “ringiovanimento” e rinnovamento dell’azienda Anna Russo ci tiene a sottolineare l’impronta femminile di una manager imprenditrice laureata in filosofia: “voglio fare un’azienda più aperta e inclusiva. L’impresa è un organismo vivo che deve dialogare con il territorio, con l’habitat in cui vive. Abbiamo già collaborazioni con l’Università di Catania. Qui da noi gli studenti di Economia, Farmacia e Scienze e tecnologie alimentari possono avere un contatto diretto con noi e con il processo produttivo”. Ma su questi aspetti le novità sono imminenti: “Vogliamo fare una vera e propria accademia qui a Santa Venerina. La distilleria Russo rappresenta un pezzo di storia, e vogliamo che sia aperta alla formazione di studenti, vorremmo fosse un punto di riferimento anche per altre aziende con cui collaborare nell’interesse del territorio”.

La cultura come valore condiviso

Produrre cultura – spiega Anna Russo – è fondamentale per una impresa. La cultura è un valore inestimabile che vogliamo condividere. Qui si potrà studiare la distillazione e l’economia circolare che realizziamo utilizzando anche gli scarti della produzione. Inoltre ci saranno spazi anche per seminari, incontri, musica, presentazione di libri e tante altre cose che per il momento sono idee”. Ma Russo va anche fiera del riscontro che ottiene sul territorio la sua attività: “Tanti giovani mi scrivono messaggi sui social di incoraggiamento, dicono di vedere un punto di riferimento. La cosa più bella è che sentono la speranza di studiare, laurearsi e rimanere in Sicilia per fare un lavoro che amano. Questo mi riempie il cuore di gioia”.

- Pubblicità -
Turi Caggegi
Turi Caggegi
Giornalista professionista dal 1985, pioniere del web, ha lavorato per grandi testate nazionali, radio, Tv, web, tra cui la Repubblica e Panorama. Nel 1996 ha realizzato da Catania il primo Tg online in Italia (Telecolor). È stato manager in importanti società editoriali e internet in Italia e all’estero. Nel 2013 ha realizzato la prima App sull’Etna per celebrarne l’ingresso nel patrimonio Unesco. Speaker all’Internet Festival di Pisa dal 2015 al 2018, collabora con ViniMilo, Le Guide di Repubblica e FocuSicilia. Etnalover a tempo pieno.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
301FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli