fbpx

Eurobot, 6° posto per “Unict-Team” al campionato internazionale di  robotica 

Risultato positivo per la squadra catanese, unica italiana in gara, che in Francia è stata eliminata ai quarti dai “padroni di casa”

“Unict-team” ottiene un positivo sesto posto ad “Eurobot 2022”, la competizione internazionale di robotica studentesca che si è svolta nei giorni scorsi a La-Roche-sur-Yon, in Francia. Ad eliminare la squadra di robotica dell’Università di Catania, unica italiana “in campo”, nei quarti di finale, sono stati proprio i “padroni di casa”, vincitori del campionato nazionale francese. Per “Unict-Team”, che vanta una pluriennale esperienza alle competizioni di robotica, si tratta di un buon risultato visto che ai nastri di partenza si sono presentati ben 23 partecipanti.

Robot archeologi

La gara consisteva nella realizzazione di robot in grado di eseguire compiti più o meno complessi in totale autonomia. Il tema di quest’anno era l’“archeologia” e prevedeva che i robot raccogliessero dei reperti archeologici, rappresentati da esagoni e cubi colorati, e li disponessero, in base al colore, in opportune zone di esposizione del campo. Allo scopo di rendere più interessante il gioco, i robot dovevano anche essere in grado di fare una previsione sul proprio punteggio finale, il quale era basato sul numero di campioni correttamente posizionati. A far parte di “Unict-Team” gli studenti Giorgio Pometti e Matteo Jacopo Schembri (per le parti meccaniche), Marco Pometti (per l’elettronica), Matteo Batticani, Giovanni Campo, Silvia Di Martino, Claudio Giusti e Miriana Russo (per la parte software) e i dottorandi di ricerca Alessia Li Noce e Marcello Maugeri.

Stampa 3D e strumenti open-source

“Gli studenti provenienti dai corsi di laurea in Informatica, Ingegneria Informatica,  Ingegneria Elettronica e Ingegneria dell’Automazione hanno lavorato duramente a partire da settembre dello scorso anno per progettare e realizzare la meccanica, l’elettronica e il software dei robot che avrebbero partecipato alla competizione, studiando, elaborando e perfezionando soluzioni innovative che fossero efficienti, precise e veloci – spiega il prof. Corrado Santoro del Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Catania, “capo delegazione” del team catanese -. Dal punto di vista meccanico, gli studenti hanno realizzato le parti integrando processi di taglio ed incisione con la nuova tecnologia della stampa in 3D. L’elettronica è stata affidata a soluzioni basate su hardware progettato ad hoc, mentre il software è stato realizzato utilizzando interamente strumenti “open-source” con l’obiettivo della più ampia condivisione scientifica possibile delle soluzioni sviluppate”.

Made in Unict

Un “prodotto” made Unict visto che tutti i lavori di progettazione, realizzazione e test sono stati svolti all’interno del Laboratorio di Sistemi Autonomi del Dipartimento di Matematica e Informatica sotto la guida del prof. Corrado Santoro e del prof. Federico Fausto Santoro.
“Il risultato lascia sicuramente soddisfatto il team in quanto i robot hanno funzionato al meglio durante le gare eseguendo i vari compiti senza intoppi particolari” aggiunge il prof. Corrado Santoro, direttore del Laboratorio di Sistemi Autonomi del Dipartimento di Matematica e Informatica.

Ecco SandStorm, il robot per la pulizia smart dei pannelli fotovoltaici


 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
324FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli