fbpx

Imu, Siracusa la più cara. Ma il costo medio in Sicilia è inferiore al nazionale

Nel capoluogo aretuseo il saldo del 16 dicembre dell'Imposta municipale propria porterà il totale per il 2022 a oltre 1.200 euro. Ma quasi tutti i capoluoghi siciliani sono al di sotto della media nazionale di 1.074 euro. Nonostante le aliquote al massimo consentito

Il 16 dicembre gli italiani verseranno nelle casse dello Stato 9,7 miliardi di euro. Si tratta del saldo dell’Imposta municipale propria (Imu), che per l’intero 2022 significa un introito complessivo da 19,4 miliardi. Come noto l’erede della famigerata Ici, l’imposta comunale sugli immobili, ha però notevoli differenze territoriali dovute alle aliquote applicate. E i capoluoghi siciliani, come illustrato da uno studio a cura del Servizio Lavoro, Coesione e Territorio del sindacato Uil, applicano tutte l’aliquota più alta, il 10,6 per mille, per consentire alle disastrate casse dei Comuni dell’Isola di poter ricevere introiti nella “forbice” consentita al di fuori del minimo del 7,6 per mille, ovvero il restante tre per mille. Nonostante questo la Sicilia si mantiene tra le regioni dove l’esborso medio sarà meno caro, 898 euro contro una media nazionale di 1.074 euro. Ma con differenze territoriali molto marcate

Leggi anche – Bilanci dei Comuni, i fondi extra per i servizi sociali potrebbero salvare i conti

Imu seconde case, Siracusa da record

A distinguersi è in particolare Siracusa, dove l costo dell’Imu per una seconda casa arriva a 1.227 euro annui. Si tratta del valore più alto tra i capoluoghi dell’Isola, in parte spiegato dal vivace mercato immobiliare all’interno del centro storico di Ortigia, ma che lascia il capoluogo aretuseo con oltre cento euro di distacco dalla seconda città in classifica, Catania, dove l’esborso medio è di 1.115 euro annuali. Seguono Ragusa a 1.080 euro, Agrigento a quota 955 e Trapani a 816 euro annui medi. La città di Palermo, la più estesa e popolosa, vede invece un esborso medio di 745 euro per le seconde case, seguita da Enna a quota 738. Chiudono la classifica siciliana Messina, a quota 709 euro, e Caltanissetta con 699 euro medi annui: entrambe rientrano nella “top dieci” delle province in cui l’Imu è mediamente meno cara, rispettivamente al nono e settimo posto, di una classifica guidata dalla piemontese Asti dove l’esborso annuale si ferma a 580 euro. La città più cara d’Italia è invece Roma, dove si arriva a 2.064 euro annuali.

Leggi anche - Catasto, con la revisione “più equità e nuove opportunità per le aree interne”

Gli immobili di lusso: Agrigento la più cara

Il pagamento dell'Imu, come ricordato da Uil, riguarderà circa 25 milionio di italiani proprietari di una seconda casa, il 41 per cento dei quali sono lavoratori dipendenti o pensionati. Parte dello studio è però dedicata anche agli immobili di lusso, quelli con categoria catastale A1, A8 e A9. Nonostante per tutte l'aliquota sia al 6 per mille, anche in questo caso ci sono notevoli differenze territoriali. Caltanissetta è la città meno cara in Sicilia: con appena 990 euro annui qui un immobile di lusso "costa" meno della media italiana per le seconde case di 1.074 euro. Si tratta inoltre del secondo valore più basso in Italia, con la sola Cremona a chiedere un importo più basso (963 euro).
All'estremo opposto troviamo invece Agrigento, dove una abitazione principale nelle tre categoria catastali A1, A8 o A9 costa in media 3,678 euro l'anno. Poco distante Catania, dove la media arriva a 3.550 euro, un importo ben superiore alla terza città siciliana, Trapani, che si ferma a 2.616 euro, in linea con la media italiana di 2.623 euro. Seguono, in ordine dalla più cara: Siracusa (2.385 euro per un immobile di lusso), Palermo (1.941 euro), Enna (1.846 euro), Ragusa (1.248 euro) e Messina (1.141 euro). La media siciliana si ferma quindi a 2.155 euro, circa cinquecento meno della media nazionale.

ProvinciaCosto in € annuale immobile di lusso (A1/A8/A9)
Agrigento3.678 €
Caltanissetta990 €
Catania3.550 €
Enna1.846 €
Messina1.141 €
Palermo1.941 €
Ragusa1.248 €
Siracusa2.385 €
Trapani2.616 €
Media Siciliana2.155 €
Media Italiana2.623 €

I garage siciliani sono più cari della media

Il costo dell'aliquota si fa però sentire in Sicilia per quanto riguarda l'esborso medio per le pertinenze dell'abitazione principale, ovvero nella grande maggioranza dei casi i garage e i box-auto. A fronte di una media nazionale di 77 euro calcolata su un'area di 18 metri quadrati, la Sicilia arriva a 80, con le sole Messina (68 euro), Siracusa (70 euro) e Palermo (73 euro), al di sotto la media nazionale. La più cara, Catania con 95 euro, ben distante dal record di 139 chiesti a Roma, ed è seguita nella classifica dei capoluoghi siciliani più cari da Enna (89 euro), Caltanissetta e Ragusa (86 euro per entrambe), Trapani (79 euro) e Agrigento (77 euro).

rovinciaCosto in € annuale medio per un garage
(18 metri quadri)
Agrigento77 €
Caltanissetta86 €
Catania95 €
Enna89 €
Messina68 €
Palermo73 €
Ragusa86 €
Siracusa70 €
Trapani79 €
Media Siciliana80,33 €
Media Italiana76 €
- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Catanese, mai lasciata la vista dell'Etna dal 1984. Dal 2006 scrivo della cronaca cittadina. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli