fbpx

In Sicilia le imprese che chiudono superano le nuove nate: -907 unità

I numeri del primo trimestre diffusi da Unioncamere. Catania è la provincia che ha perso di più (saldo negativo di 219 imprese), mentre Palermo ha guadagnato 79 nuove attività imprenditoriali

Tra imprese che nascono e imprese che muoiono, la Sicilia è la seconda regione d’Italia per saldo negativo: -907, con 6.247 nuove iscrizioni e 7.154 cessazioni. Il risultato peggiore va al Piemonte, con un saldo negativo di 1.638 imprese. Sono i numeri della nati-mortalità delle imprese italiane nel primo trimestre di quest’anno, diffusi da Movimprese, elaborati da Unioncamere e InfoCamere sulla base del Registro delle imprese delle Camere di commercio. Dall’analisi territoriale emerge che i saldi sono negativi in tutte e quattro le grandi ripartizioni (Nord-Ovest, Nord-Est, Centro e Sud-Isole) e le regioni, Lazio, Sardegna e Trentino-Alto Adige sono quelle che fanno registrare un saldo positivo, per quanto contenuto, rispettivamente con 1.157, 253 e 85 imprese in più.

Leggi anche – Messina, 400 imprese in più nel 2022 ma l’economia resta “statica e asfittica”

Variazione nazionale leggermente negativa

Sul territorio nazionale, il tessuto imprenditoriale si è ridotto di 7.443 unità (una variazione lievemente negativa, del -0,12 per cento dello stock di imprese) e la flessione viene considerata “tra le più contenute del recente passato e che (con l’unica eccezione del 2021, in piena pandemia) caratterizza tradizionalmente i trimestri di inizio anno a causa del concentrarsi delle cancellazioni sul finire dell’anno precedente e l’inizio del nuovo”, secondo Movimprese. In questi primi tre mesi dell’anno, c’è una “sostanziale stabilità” nelle iscrizioni al Registro delle Imprese delle Camere di commercio: sono 101.788 le nuove unità, in linea
rispetto allo stesso periodo del 2022. Sensibile è stato invece l’incremento delle chiusure rispetto allo stesso periodo del biennio precedente (109.231 unità) che, tuttavia, per Unioncamere, “restano tar i valori più contenuti degli ultimi dieci anni”.

Leggi anche – Nasce a Catania lo Sportello Sviluppo e Lavoro per imprese e istituzioni

Solo a Palermo cresce il numero delle imprese

In tutte le province della Sicilia c’è un saldo negativo, ad eccezione di Palermo dove le nuove imprese sono più di quelle cessate e il risultato finale è di 79 nuove unità, con una crescita trimestrale dello 0,08 per cento. Catania ha un saldo di -219 imprese, Trapani -144, Ragusa -140, Agrigento -139, Siracusa -135, Caltanissetta -91, Messina -68, Enna -50. Nel resto d’Italia emerge il dato di Torino (saldo negativo -770 imprese) e di Roma (saldo positivo di 1.412 imprese e una crescita trimestrale dello 0,31 per cento). Tra i settori che hanno visto aumentare la “base imprenditoriale”, Movimprese segnala attività professionali, scientifiche e tecniche (+2.992 imprese), le attività immobiliari (+1.571) e le costruzioni (+1.070), ancora sotto l’onda ‘lunga’ degli incentivi all’edilizia. Sul fronte opposto, ad arretrare maggiormente sono i settori del commercio (-8.806 imprese, -0,61 per cento) e dell’agricoltura (-6.167 unità, -0,85 per cento).

- Pubblicità -
Agostino Laudani
Agostino Laudani
Giornalista professionista, nato a Milano ma siciliano da sempre, ho una laurea in Scienze della comunicazione e sono specializzato in infografica. Sono stato redattore in un quotidiano economico regionale e ho curato la comunicazione di aziende, enti pubblici e gruppi parlamentari. Scegliere con accuratezza, prima di scrivere, dovrebbe essere la sfida di ogni buon giornalista.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli