fbpx

Incendio a Stromboli, riserva naturale distrutta. Esposto di Legambiente

L'associazione ambientalista si rivolge alla procura di Barcellona Pozzo di Gotto: il rogo, creato per "esigenze cinematografiche", secondo il presidente Zanna "ha distrutto permanentemente interi ecosistemi"

A Stromboli la riserva naturale è andata completamente distrutta. Legambiente Sicilia ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto.  “Chiediamo che vengano accertate le responsabilità dei gravissimi danni arrecati al patrimonio naturale dell’isola e di essere informati sullo sviluppo delle indagini anche il fine di una nostra costituzione di parte civile, nel caso in cui dovesse essere istruito un processo”, annuncia Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia.

“Perdita permanente dell’integrità di interi ecosistemi”

“Quello che è successo a Stromboli – dichiara Zanna – è di una gravità inaudita, ha determinato e determina una condizione gravissima di forte degrado ambientale e di danno agli equilibri geomorfologici e idrogeologici dell’area, con conseguente perdita permanente dell’integrità di interi ecosistemi terrestri, l’incolumità di specie arboree tutelate da normative comunitarie, della fauna protetta e comune nonché di tutta la biodiversità delle zone interessate, oltre ad arrecare un innegabile danno alla qualità dell’aria con rischi attuali e potenziali, certamente misurabile, per la salute dei cittadini”.

Incendio innestato per esigenze cinematografiche

Legambiente, con l’esposto presentato alla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, chiede quindi “che sia fatta luce sulle responsabilità di quanto accaduto. Da notizie di stampa, abbiamo appreso che l’incendio sarebbe stato volontariamente innescato dagli operatori di un set di una fiction e che gli stessi operatori, a causa del forte vento di scirocco che imperversava sull’arcipelago eoliano, non sarebbero stati in grado di circoscrivere prontamente o di domare le fiamme, che si sarebbero propagate a tutto il resto della vegetazione. Inoltre, sembrerebbe che non fossero neanche presenti i Vigili del Fuoco e che il Comune di Lipari non abbia dato autorizzazione alcuna autorizzazione e che non sarebbe stato comunque informato della possibilità che venisse acceso un fuoco per esigenze cinematografiche della Produzione. Chiediamo, quindi che vengano accertati tutti questi fatti e, inoltre, di essere aggiornati sullo stato delle indagini nonché a conoscere i dati del procedimento aperto presso gli uffici della Procura della Repubblica. Questo perché da anni lottiamo – conclude Zanna – affinché le fiamme non distruggano il nostro inestimabile patrimonio naturalistico. Abbiamo anche avanzato delle proposte concrete per provare ad arginare il fenomeno degli incendi dolosi in Sicilia, oltre ad esserci già costituiti parte civile in procedimenti penali nei confronti di soggetti imputati dei reati di incendio boschivo, disastro ambientale”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
324FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli