fbpx

Industria, rifiuti, ex Province: le priorità per Catania secondo Ugl

Domani si insedia la nuova Assemblea regionale. La necessità di avere una Regione nel pieno delle sue funzioni politiche e amministrative è sentita particolarmente, come fa notare il segretario della Ugl di Catania, Giovanni Musumeci

Dopo più di un mese dalle elezioni si insedierà ufficialmente domani la nuova Assemblea regionale siciliana, che darà il via alla 18 esima legislatura. Un momento tanto atteso anche a Catania dove le emergenze continuano ad essere molteplici e la necessità di avere una Regione nel pieno delle sue funzioni politiche e amministrative è sentita particolarmente, come fa notare il segretario della Ugl di Catania, Giovanni Musumeci, che ha riepilogato le priorità del territorio. “Auspichiamo di avere, a breve, anche la Giunta regionale pienamente operativa – ha detto – per l’avvio di un confronto serrato con particolare riferimento al lavoro ed alle politiche sociali, alla salute, ai rifiuti e all’energia, alle infrastrutture, alle politiche scolastiche e della formazione professionale – aggiunge Giovanni Musumeci. Il caro bollette e dei costi in generale, unito alla diminuzione del potere d’acquisto sta massacrando i lavoratori catanesi, che vivono una condizione non di certo rosea anche a causa della precarietà occupazionale in buona parte dei casi. Abbiamo bisogno di una Zona industriale all’altezza degli investimenti che sono già in essere e di quelli che dovranno arrivare e ci vogliono reti di trasporto più moderne e funzionali”.

Portare a Palermo le istanze del mondo del lavoro

“I cittadini – ha ripreso Musumeci – chiedono una soluzione al problema atavico dello smaltimento dei rifiuti, anche perché non possono più permettersi di pagare tasse esorbitanti, spesso per colpe non loro, così come si deve intervenire nell’immediato sulla questione dispersione scolastica che, dalle nostre parti, è in uno stato emergenziale. In questa cornice – continua il segretario territoriale della Ugl – ci aspettiamo, tra le prime leggi, la tanto agognata riforma delle ex Province regionali perché dopo otto anni non è più possibile aspettare, mentre questi enti importanti non hanno ancora funzioni ben definite e sopravvivono grazie all’impegno dei commissari e dei pochi dipendenti rimasti. C’è davvero tanto da fare e vogliamo farlo in piena sinergia con il governo Schifani e con i parlamentari regionali eletti in questo nostro territorio. Siamo già pronti a collaborare – conclude Musumeci – ma allo stesso tempo siamo e saremo una sentinella attenta, cercando di stimolare il dibattito attraverso anche una critica costruttiva, per portare a Palermo le istanze del mondo del lavoro e della cittadinanza dell’area metropolitana di Catania e provare ad operare un cambiamento reale”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,945FansMi piace
511FollowerSegui
341FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli