fbpx

Inps, nuove modalità per il pagamento della Cig: “Tempi ridotti di settimane”

Il nuovo "flusso" per la trasmissione delle richieste è stato introdotto con il Decreto Sostegni. Tridico: "A oggi pagato il 99 per cento della Cassa integrazione"

Un nuovo strumento per migliorare la trasmissione dei dati e velocizzare i tempi dei pagamenti. L’Inps ha avviato oggi le procedure di utilizzo del flusso “UniEmens-Cig”, che sostituirà il vecchio modulo SR41 e permetterà di migliorare le erogazioni delle integrazioni salariali – Cig ordinaria, in deroga e assegno ordinario – connesse alla pandemia da Covid-19. Tra i vantaggi più immediati, la dilazione dell’autorizzazione, che potrà arrivare successivamente, e i tempi di gestione, che saranno in tempo reale. E ancora, la possibilità per gli intermediari di inviare un unico flusso per tutte le aziende in delega, senza dover compilare un modulo per ciascuna. Il processo di erogazione dovrebbe ridursi così di qualche settimana, rispetto alle otto/nove attualmente necessarie.

“Cig pagata al 99 per cento”

La nuova modalità di trasmissione dei dati è stata introdotta con il Dl 41/2021, meglio noto come Decreto Sostegni. Per il presidente dell’Inps Pasquale Tridico i nuovi flussi “permetteranno di snellire le incombenze delle imprese e migliorare i tempi di erogazione, rendendo a regime più trasparente il processo e le verifiche”. Lo strumento, aggiunge Tridico, è allo studio dell’istituto dallo scorso settembre. “L’Inps ha sino ad oggi pagato oltre il 99 per cento delle richieste di pagamento di Cig aumentate vertiginosamente a causa dell’emergenza Covid”. La nuova procedura “UniEmens-Cig” risponde a esigenze di innovazione e semplificazione “che sono da oltre un anno le direttrici di numerosi progetti dell’Inps”.

Leggi anche – Sicilia, cassa integrazione: a gennaio supera sei milioni di ore

I dettagli del nuovo flusso

Nel dettaglio, il tracciato “UniEmens-Cig” a pagamento diretto coincide sostanzialmente con il formato dell’UniEmens standard utilizzato per la ig a conguaglio, mantenendo, quindi, la stessa struttura di esposizione dei dati. In tal modo viene standardizzata in un unico formato e in unico processo la gestione delle prestazioni di integrazione salariale indipendentemente dalla modalità di erogazione (a conguaglio e a pagamento diretto). Le modalità previste per l’aggregazione delle denunce individuali UniEmens con i dati per il pagamento diretto consentono l’immediato instradamento sui sistemi gestionali, senza dover attendere i tempi propri dei flussi standard UniEmens. I flussi per il pagamento diretto, infatti, possono essere trasmessi senza la necessità di attendere l’autorizzazione, indicando il Ticket associato alla domanda.

Uniformità nei controlli

Pertanto, la richiesta di pagamento può essere trasmessa dal datore di lavoro anche prima del rilascio dell’autorizzazione stessa. In ogni caso, il pagamento verrà comunque effettuato successivamente al rilascio dell’autorizzazione. Alle denunce “UniEmens-Cig” a pagamento diretto viene applicato il medesimo processo previsto per le prestazioni a conguaglio, con conseguente uniformità dei controlli e maggiore facilità nell’incrocio dei dati tra “UniEmens-Cig” a pagamento diretto e UniEmens ordinari, laddove sussista la necessità per il datore di lavoro, con riferimento alla stessa prestazione, di inviare entrambi i flussi, come accade in caso di riduzioni dell’attività lavorativa non a zero ore.

Leggi anche – Cassa integrazione in Sicilia, per Cgil il 2020 “anno terribile”

Pagamenti semplificati

L’utilizzo di un unico formato per la trasmissione dei dati consente di poter utilizzare, anche per il pagamento diretto, le informazioni del calendario giornaliero, con l’esposizione del Dato orario, del Codice evento e del Ticket. Risulta, dunque, più flessibile la rappresentazione dell’articolazione dell’attività lavorativa ed è più semplice e automatizzabile la gestione delle richieste di prestazioni a pagamento diretto. Per i dati anagrafici dei lavoratori beneficiari è sufficiente inviare i soli codici fiscali, mentre le restanti informazioni sono prelevate automaticamente dagli archivi dell’Inps.

Compilazione più veloce

Inoltre, mentre nel caso di invio dei dati relativi al pagamento diretto tramite il modello “SR41” è necessario inviare un singolo modello per ogni azienda interessata dalla richiesta di integrazione salariale, con l’invio del flusso “UniEmens-Cig” è possibile trasmettere un unico flusso che contiene al suo interno i dati riferiti ai lavoratori di più aziende, con evidente semplificazione degli oneri di compilazione e trasmissione a cura delle aziende stesse degli intermediari. Grazie alla trasmissione delle informazioni connesse alle richieste di pagamento diretto tramite l’invio di un flusso strutturato su canale UniEmens, si assicura la consegna ai sistemi gestionali per il pagamento della prestazione in tempi anticipati.

Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,095FansMi piace
313FollowerSegui
218FollowerSegui
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultimi Articoli