fbpx

Isab, l’azienda proprietaria: operativi anche dopo l’embargo al petrolio russo

Lo stop al greggio di Mosca non fermerà la raffineria, scrive la società, "viste le materie prime immagazzinate per i prossimi mesi e le future consegne di petrolio di origine non russa"

“In vista delle imminenti restrizioni alla fornitura di petrolio dalla Russia ai paesi dell’Unione europea che entreranno in vigore il 5 dicembre 2022, Litasco Sa (società del gruppo Lokoil), proprietaria della raffineria Isab s.r.l. situata in Italia, informa di essere pronta a garantire il costante funzionamento della raffineria, viste le materie prime immagazzinate per i prossimi mesi e le future consegne di petrolio di origine non russa”. Lo scrive in una nota l’azienda proprietaria dello stabilimento siracusano, a poche ore dall’approvazione del decreto legge del governo Meloni che apre alla possibilità di un’amministrazione temporanea per le aziende strategiche del settore petrolchimico messe in difficoltà dalle sanzioni alla Russia.

“Partner affidabile per clienti e fornitori”

“Da quando ha acquisito la raffineria nel 2008, la proprietà ha investito regolarmente nel suo sviluppo”, si legge ancora nel comunicato. “Di conseguenza, ISAB è attualmente una società redditizia, una struttura tecnologicamente avanzata e un partner affidabile per tutti i suoi clienti, fornitori e appaltatori. Da 14 anni la raffineria onora costantemente i suoi obblighi nei confronti di oltre diecimila italiani che dipendono dal suo funzionamento, oltre a rispettare gli impegni assunti nei confronti delle autorità italiane in materia di tasse, salute, sicurezza e tutela dell’ambiente. Liasco”, conclude la nota, “conferma la propria disponibilità a continuare una cooperazione piena e significativa con il governo italiano al fine di garantire il normale funzionamento della struttura”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli