fbpx

Istat, record di fiducia delle imprese: mai così alto da marzo 2005. Tutti i dati

Il clima di ottimismo tra le aziende supera i livelli pre-crisi. Bene costruzioni, commercio e servizi, luci e ombre per la manifattura. E anche i consumatori credono nella ripresa

Gli imprenditori italiani non hanno mai creduto tanto nel futuro del Paese. A luglio l’indice del clima di fiducia delle imprese dell’Istat migliora raggiungendo il valore più elevato di tutta la serie storica, cioè da marzo 2005. L’aumento riguarda sia le aziende (da 112,8 a 116,3) che i consumatori (da 115,1 a 116,6). L’indice è calcolato sulla base di diverse componenti, tutte in crescita: il clima economico passa da 126,9 a 129,6, quello personale sale da 111,1 a 112,2, quello corrente aumenta da 108,1 a 111,9. Unica componente a non crescere, almeno per il momento, quella sul clima futuro, che scende da 125,5 a 123,5.

Leggi anche – Istat, vendite al dettaglio in crescita: meno cibo, più vestiti e accessori

“Superati i livelli pre-crisi”

Dati positivi, dunque, quelli fotografati dall’Istituto nazionale di statistica. “I servizi registrano un aumento marcato della fiducia superando decisamente i livelli precedenti la crisi”, si legge nel rapporto. Nella manifattura, per esempio, si attenua il ritmo di crescita in seguito ad un lieve calo delle aspettative sul livello della produzione, ma l’indice raggiunge un nuovo massimo (da 114,8 a 115,7). Nel dettaglio, migliorano i giudizi sugli ordini e le scorte sono giudicate in diminuzione, mentre le attese sulla produzione sono in lieve calo.

Leggi anche – Istat, a maggio l’export frena ma cresce rispetto al 2020: più 42 per cento. I dati

Costruzioni, commercio e servizi

A migliorare sono tutti i comparti oggetto di rilevazione, a partire dalle costruzioni, che passano da 153,6 a 158,6. Tutte le componenti dell’indice, annota Istat, sono in miglioramento. I servizi passano da 107,0 a 112,3, con i giudizi sull’andamento degli affari in netto recupero, e una lieve diminuzione sulle attese sugli ordini. Il commercio al dettaglio, infine, passa da 107,2 a 111. Una crescita netta, segno che i giudizi e le attese sulle vendite sono in miglioramento, mentre diminuisce il saldo dei giudizi sulle scorte.

Leggi anche – Istat, nel 2021 Pil in crescita del 4,7%. Ma sale anche il tasso di disoccupazione

La grande e piccola distribuzione

Per quanto riguarda i circuiti di distribuzione, la fiducia è in aumento sia nella distribuzione tradizionale, dove l’indice passa da 101,7 a 104,6, che nella grande distribuzione, da 109,0 a 112,8. Non mancano le ombre. Sulla base delle domande trimestrali presenti nel questionario dell’indagine manifatturiera, per esempio, a luglio cresce marcatamente la quota di imprese manifatturiere che lamenta insufficienza degli impianti o mancanza di materiali quali ostacoli alla produzione.

Leggi anche – Istat, a giugno 2021 “marcato aumento” della fiducia di consumatori e imprese

Cresce anche la fiducia dei consumatori

Come accennato, a crescere è anche l’indice di fiducia dei consumatori, che continua la risalita registrando un massimo da settembre 2018. La crescita, scrive l’Istat, è trainata soprattutto dal deciso miglioramento dei giudizi sia sulla situazione economica generale sia su quella personale, mente sono in lieve calo le attese.

- Pubblicità -
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
256FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli