fbpx

La frutta a guscio siciliana resta sulle piante. Costi di produzione decuplicati

Il settore in Sicilia vale 140 milioni di euro, ma è messo in difficoltà dall'aumento incontrollato di energia, carburanti e fertilizzanti. Una crisi che sommata ai danni del clima e alla concorrenza del prodotto estero, fa sì che molti coltivatori non raccolgano più, dice l'esperto

Il mercato della frutta secca siciliana, un classico delle tavole natalizie dentro e fuori dall’Isola, è in crisi. La causa è la concorrenza del prodotto estero e l’aumento incontrollato dei costi di produzione, che sta portando molti coltivatori a lasciare i frutti sugli alberi. “Tra i rincari dell’energia, dei carburanti e dei fertilizzanti, produrre costa fino a dieci volte di più dell’anno scorso, mentre i prezzi di vendita sul mercato restano fermi. A queste condizioni, raccogliere non conviene più”, spiega a FocuSicilia Ignazio Vassallo, agronomo e responsabile del Coordinamento nazionale della frutta in guscio. Il settore in Sicilia vale “circa 140 milioni di euro”, ma gli spazi di mercato sono sempre più stretti perché “la qualità non riesce a battere la quantità”. Per Vassallo la frutta secca locale non teme confronti. “In particolare le mandorle e i pistacchi sono migliori dal punto di vista del gusto e della salubrità, ma vengono soppiantati dalle produzioni intensive americane”. Un problema che non riguarda solo la Sicilia ma “anche Spagna e Australia, grandi produttori di frutta a guscio che sono in forte difficoltà”.

Leggi anche – Mandorle, con il Covid scendono i prezzi. Sicilia primo produttore in Italia

I numeri del settore

Secondo gli ultimi dati forniti da Vassallo – che è stato dirigente dell’assessorato regionale all’Agricoltura fino al 2019 – la produzione di frutta secca nell’Isola copre una superficie di 76 mila ettari, con una raccolta di circa 1,3 milioni di quintali. La “fetta” più consistente è rappresentata dalle mandorle, con oltre 47 mila ettari coltivati (principalmente tra Siracusa e Agrigento) e una produzione annua di 762 mila quintali, per un fatturato di 115 milioni di euro. Segue il pistacchio, con 3.665 ettari coltivati e una produzione di circa 27 mila quintali, per un fatturato di 22 milioni. Per il nocciolo la superficie è più ampia, oltre 16 mila ettari, con una produzione di 188 mila quintali, ma il fatturato si ferma a due milioni per il basso prezzo di vendita. È classificato come frutta secca anche il carrubo, che conta una superficie di quasi novemila ettari coltivati e una produzione di 314 mila quintali, per un fatturato di un milione. Nell’Isola, infine, si conta una piccola produzione di noci, con 170 ettari coltivati e 2.250 quintali raccolti, per un fatturato di un milione.

Leggi anche – L’uva da tavola siciliana viene lasciata a marcire. “Raccoglierla costa troppo”

Rischi per i consumatori

La maggior parte delle coltivazioni dell’Isola, spiega Vassallo, è in regime di agricoltura biologica. “Questo naturalmente aumenta i costi, visto che non possiamo utilizzare antiparassitari chimici ma soltanto naturali. Un’attenzione che rende il nostro prodotto molto superiore a quello estero in termini di qualità”. L’agronomo fa l’esempio delle mandorle. “Quelle americane hanno una resa molto alta, che arriva anche al 50 per cento una volta rimosso il mallo. Le nostre, invece, sono più piccole, e hanno una resa tra il 25 e il 30 per cento”. La produzione intensiva, avverte Vassallo, può avere conseguenze anche sulla salute. “In America si annaffia e si raccoglie meccanicamente, quindi il frutto è più esposto a parassiti che possono essere nocivi anche per l’uomo”. In particolare le mandorle possono essere attaccati da una tipologia di funghi, “gli ascomiceti, che a loro volta producono tossine che se assunte il larga quantità possono essere cancerogene”.

Leggi anche – Pinoli siciliani minacciati dagli insetti. Il produttore: “Regione assente”

Milioni di api morte

Di fronte a questo pericolo, sostiene Vassallo, la risposta delle istituzioni è stata evasiva. “L’Unione europea si è limitata a innalzare la soglia di tossine consentita, un po’ come si faceva un tempo con l’arsenico presente negli acquedotti pubblici”. Altro serio problema delle coltivazioni intensive americane è l’impatto ambientale. “Si stima che i pesticidi utilizzati nelle coltivazioni di mandorle californiane, lo scorso anno, abbiano causato la morte di trenta milioni di api”. Un problema per l’ecosistema naturale e produttivo globale, “visto che senza le api non può avvenire l’impollinazione, con la perdita di interi raccolti”. Per il Coordinamento nazionale della frutta in guscio, l’unica soluzione a questa deriva è incrementare la consapevolezza dei consumatori. “In Sicilia e in Italia disponiamo di una produzione unica, ammirata nel mondo per il gusto e le proprietà naturali. È assurdo che siamo costretti a lasciarla marcire sugli alberi”, conclude Vassallo.

- Pubblicità -
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci (Catania, 1992), è giornalista pubblicista e scrittore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli