fbpx

Lavoratori stranieri salvati dallo sfruttamento con Diagrammi Sud

Un progetto finanziato dal Fondo sociale europeo, condotto da vari partner, con la Flai Cgil in Sicilia capofila, e rivolto a lavoratori agricoli stranieri regolari di cinque province. Già 164 hanno avviato un percorso di regolarizzazione e 25 hanno sporto denuncia di sfruttamento

Oltre 800 lavoratori stranieri coinvolti, 12 punti di accesso ai servizi (Pas) aperti e sette presidi mobili, 563 ore di mediazione linguistica e interculturale, 217 ore di formazione: sono alcuni numeri del progetto Diagrammi Sud Sicilia, concluso dopo due anni di attività. Un progetto finanziato dal Fondo sociale europeo, condotto da una serie di partner, con la Flai Cgil in Sicilia capofila, e rivolto a lavoratori stranieri agricoli regolari di cinque province. Già 164 persone hanno avviato un percorso di regolarizzazione e 25 hanno sporto anche denuncia di sfruttamento. Oggi, nella sede della Cgil regionale è stato presentato il bilancio delle attività. “Partendo dalla formazione linguistica- ha detto il segretario generale della Flai Cgil Sicilia, Tonino Russo – si è passati alla formazione professionale su attività connesse all’agricoltura, concludendo il percorso con
attività nelle aziende. Obiettivo è l’integrazione nel mercato del lavoro e nella società. Sono state importanti – ha sottolineato – le sinergie che abbiano messo in campo tra sindacato e associazioni e ci auguriamo che la Regione crei le condizioni per proseguire questa esperienza”. 

Lavoratori stranieri irregolari: si stima siano 50 mila

Con la Regione la Flai ha peraltro già siglato un protocollo per mettere in sinergia tutte le iniziative in campo per il contrasto allo sfruttamento al caporalato che colpiscono i lavoratori stranieri. Russo ha ricordato che “l’osservatorio Placido Rizzotto ha individuato in Sicilia 52 aree di sfruttamento del lavoro agricolo”. Oggi gli stranieri iscritti negli elenchi anagrafici sono 25 mila e si stima quasi il doppio gli irregolari. “Il problema degli stranieri – ha detto Davide Fiatti, segretario nazionale Flai – è ampio. Riguarda il lavoro, ma anche quando il lavoro regolare c’è ci sono i problemi che riguardano  gli alloggi, i trasporti, l’integrazione in genere. Per affrontarli è necessaria dunque una rete tra soggetti sociali e istituzionali. Il progetto Diagrammi – ha rilevato – ha avuto il merito di fare consolidare i rapporti tra vari soggetti, creando sinergie”.

Mannino: “Sistema fragile, Regione inadempiente”

“Diagrammi Sud”, in Sicilia “è andato ben oltre le previsioni e le aspettative – ha detto
Ilaria Chiapperino, del Consorzio Nova, uno dei partner – e il bilancio è più che positivo. Attraverso l’azione congiunta di tutti i partner – ha aggiunto – le attività  sono state puntate a chiudere la filiera, dall’emersione all’inserimento socio-lavorativo”.  Per 200 migranti è arrivato il “bilancio delle competenze”, per facilitarne l’inserimento dei lavoratori stranieri e prevenire lo sfruttamento. È presto per valutare le ricadute nel medio e lungo termine. “Va comunque considerato – ha osservato Russo – che   esperienze di questo tipo vanno incontro alle esigenze delle aziende, che lamentano carenza di manodopera e di manodopera qualificata”. Uno degli obiettivi del progetto  e del sindacato in generale riguarda  il lavoro agricolo di qualità. “È importante ed è una dette nostre rivendicazioni – ha detto il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino – una riforma del mercato del lavoro che consenta l’incrocio della domanda e dell’offerta, nell’ambito di un sistema pubblico. Per tutte le altre questioni – ha sottolineato- è chiaro che  il sistema è fragile e occorrono scelte strutturali su temi come la casa e i trasporti, sui quali un grande contributo può venire da una Regione oggi inadempiente”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli