fbpx

Lavoro alternativo al carcere, grazie alle aziende edili di Ance Catania

Dal carcere al cantiere: grazie a un accordo con la Fondazione Fondazione Francesco Ventorino i costruttori etnei offrono l'opportunità di svolgere il lavoro come misura alternativa alla detenzione

Un’opportunità di riabilitazione, socializzazione e cambiamento attraverso il lavoro. È quanto accaduto ad Omar (nome di fantasia), un giovane uomo di origine nordafricana, che sta scontando ai domiciliari una pena detentiva per piccoli furti e che è stato inserito in un cantiere del Gruppo Cosedil in Sardegna, che fa capo all’imprenditore Andrea Vecchio. Il lavoratore si è perfettamente inserito nel team di lavoro che sta realizzando un edificio scolastico ad Olbia, dimostrando attaccamento al lavoro e competenza da muratore. Una chance avuta grazie all’impegno di Ance Catania e delle sue imprese, che da sempre mettono in campo iniziative volte all’integrazione sociale.

Intesa con la Fondazione Francesco Ventorino

“Crediamo fortemente nella possibilità di reintegrare chi ha commesso un reato concedendogli un’opportunità lavorativa – spiega il presidente dell’Associazione dei costruttori edili etnea Rosario Fresta – non solo dopo aver scontato la pena, ma anche come misura alternativa di affidamento in prova, che rappresenta una fondamentale occasione di recupero sociale”. Parole confermate dall’operato dei costruttori etnei, che lo scorso 5 luglio 2022 hanno siglato un protocollo d’intesa con la Fondazione Francesco Ventorino, che offre assistenza ai detenuti della casa circondariale di Piazza Lanza e ospita nella casa di accoglienza “Rosario Livatino” coloro che godono della misura alternativa alla detenzione in carcere. È qui che Omar ha ricevuto ospitalità ed è rimasto per quasi un anno, dimostrando buona volontà e capacità di adattamento.

Su 54 mila detenuti, oltre 18 mila sono lavoratori

“Un accordo in linea con i diritti costituzionali sul diritto al lavoro e sulla sua funzione rieducativa, che si propone un duplice obiettivo: l’integrazione sociale e la formazione di figure qualificate per lo sviluppo e il progresso della filiera delle costruzioni”, aggiunge Fresta. Un’occasione, dunque, non solo per il singolo, ma per la collettività. A dimostrare che il percorso di riabilitazione sia ormai una realtà a livello nazionale sono le ultime stime del ministero della Giustizia: su 54.841 detenuti, i lavoratori sono 18.654, molti dei quali alle dipendenze dell’amministrazione penitenziaria. Ben 26 le categorie di impiego, diminuendo in maniera netta il rischio di recidiva e portando nuova forza lavoro in settori che soffrono per la mancanza di personale.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli