fbpx

Lavoro, Cgil boccia la Regione: politiche attive “fallimentari” dal governo

Il segretario regionale Mannino chiede a palazzo d'Orléans "un cambio di rotta per invertire un trend scoraggiante che non lascia intravedere prospettive positive”

In una regione in cui la disoccupazione giovanile supera il 40 per cento (media italiana 26 per cento), in cui meno della metà della popolazione in età da lavoro è occupata (42,6 per cento a fronte del 60,1 per cento nazionale) e in cui il precariato è la regola “le politiche attive del lavoro messe in campo dal governo regionale segnano il passo, in perfetta linea con le gestioni precedenti, rivelando un approccio fallimentare al problema occupazione in Sicilia. È una gestione che dimostra quanto il governo regionale sia distante dal mondo del lavoro”. Lo sostengono il segretario generale della Cgil regionale Alfio Mannino e Francesco Lucchesi, segretario confederale con delega al mercato del lavoro, che segnalano “ la necessità di un cambio di rotta per invertire un trend scoraggiante che non lascia intravedere prospettive positive”.

“Fallimento” sui centri per l’impiego

“Mancano adeguati investimenti”, sottolineano Mannino e Lucchesi, “su settori strategici come l’agricoltura e il turismo, mancano politiche scolastiche per contrastare la carenza di competenze, non ci sono politiche per la formazione, per l’occupazione dei soggetti fragili, per il lavoro delle donne”. Inoltre , aggiungono “registriamo il fallimento del concorso per potenziare i centri dell’impiego, che sono allo sfascio e che potevano vedere anche l’utilizzo degli ex navigator, con centinaia di vincitori che non hanno ancora preso servizio, mettendo a rischio la realizzazione del programma Gol, che nel solo 2022 prevedeva fossero spesi 96 milioni”. Mannino e Lucchesi contestano al governo regionale anche”la mancata convocazione dell’osservatorio regionale sul mercato del lavoro istituito nel 1987 che dovrebbe provvedere allo sviluppo del sistema informativo e all’interpretazione del dati dome supporto alle politiche attive”.

“Governo regionale dia risposte”

Infine i dirigenti sottolineano “il fallimento del programma Garanzia giovani, che i governi regionali che si sono susseguiti non hanno saputo gestire con grande spreco di risorse e nessuna inversione di tendenza per l’occupazione giovanile”. “È tempo che il governo regionale ci dia risposte su questi argomenti in un apposito confronto”, conclude la nota della Cgil, “e segnali diversi per disegnare nuove prospettive per l’occupazione nella nostra regione, altrimenti avvieremo una fase di mobilitazione”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli