fbpx

Licenziamenti sbloccati, Cgil Sicilia: “Catastrofe, a rischio 57 mila posti”

Il sindacato denuncia "l’irresponsabilità sociale della Confindustria" e l'atteggiamento del Governo Draghi. Le parole del segretario generale Alfio Mannino

“La fine del blocco dei licenziamenti sommata alla mancata riforma degli ammortizzatori sociali e all’assenza tutt’oggi di politiche per il lavoro determinerà in Sicilia una catastrofe sociale con il venire meno di 57 mila posti di lavoro”. Lo dice il segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino, che in una nota critica da un lato quella che definisce “l’irresponsabilità sociale della Confindustria”, dall’altro l’atteggiamento del governo “che avrebbe dovuto piuttosto tenere la barra dritta e accelerare sulle riforme e i provvedimenti al palo”.

“Situazione sottovalutata”

Per Mannino, “la gravità della situazione in Sicilia e nel Mezzogiorno o non è percepita o è sottovalutata. Ci saremmo aspettati”, sottolinea, “un ordine inverso dei provvedimenti: prima la riforma degli ammortizzatori sociali, le politiche attive e la partenza degli investimenti, poi la fine del blocco dei licenziamenti. Questa oggi determinerebbe nell’Isola un colpo di scure sul tre per cento del già esiguo numero di occupati”.

Leggi anche – Istat, dall’inizio dell’emergenza Covid perso quasi un milione di posti di lavoro

“Tagli ai fondi reali”

Il segretario della Cgil rileva che “oggi ci troviamo in presenza di risorse teoriche come quelle del Recovery fund, mentre si pensa a tagliare quelle reali dei fondi strutturali, ben 500 milioni, in un settore strategico per la Sicilia come l’agricoltura”. “È una situazione paradossale”, conclude Mannino, “è incredibile che il dopo Covid parta da tagli e licenziamenti, anziché da investimenti e assunzioni. È difficile ipotizzare così una ripresa”.

Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
250FollowerSegui
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultimi Articoli