fbpx

Logistica, allarme di sindacati e Legacoop: “Servono più regole”

Un settore in grande espansione ma caratterizzato da contratti “pirata” e concorrenza sleale. Per Filt Cgil, Uil Trasporti e Legacoop sono “necessari protocolli di legalità e iniziative comuni per monitorare il settore”

Un osservatorio provinciale per monitorare il comparto della logistica e un protocollo di legalità, condiviso tra i sindacati e le associazioni datoriali, per  regolamentare gli appalti e le esternalizzazioni nel settore. Sono alcune delle proposte emerse a un incontro che si è svolto presso la Legacoop, in via Borrelli,  con la  Cgil Palermo, la Uil Sicilia-Palermo, le categorie dei trasporti Filt  Cgil e Uil trasporti e i responsabili dell’associazione. Un primo passo per provare a mettere ordine e regole in un settore in continua espansione che,  a livello nazionale, occupa 800-900 mila lavoratori e che in provincia di Palermo conta numerose aziende operative tra i nodi industriali di Brancaccio, Carini, Termini Imerese, e nei porti di Palermo e provincia,  e dà lavoro a migliaia di addetti.   

Leggi anche – Camionisti, Assotir scrive alla Regione: “Aiuti per formarne di nuovi”

Molte aziende “operano in modo sleale”

All’interno del comparto, alti sono i livelli di criticità riscontrati: molte aziende  – è la denuncia di sindacati e Legacoop – operano sul mercato “in maniera sleale”,  con contratti sottoscritti da sigle autonome che comprimono il costo del lavoro. La proliferazione  di questi contratti, “peggiorativi delle condizioni dei lavoratori”, ha messo in allarme i sindacati che, raccolta la disponibilità di  Legacoop, hanno  avviato un percorso per ripristinare le regole interconfederali e il rispetto della  legalità nel settore. “La nostra volontà  è quella di contrastare in maniera unitaria, e con l’intervento delle istituzioni,   queste pratiche lesive  dei diritti dei lavoratori e delle regole del mercato – dichiarano in una nota unitaria il segretario Cgil Palermo Francesco Piastra, il segretario Filt Cgil Palermo Giuseppe Ferrito, il segretario Uil Sicilia Pietro Gaglio, i segretari  Uil Trasporti Paolo Amato e Paolo Di Maio, il presidente Legacoop Sicilia Filippo Parrino e la direttrice regionale  Legacoop Angela Maria Peruca. “La contrattazione deve attenersi alle regole condivise dai contratti nazionali e dagli accordi confederali – aggiungono Cgil, Uil e Legacoop  –  E’ importante  ricercare la condivisione con le associazioni datoriali interessate a una sana e leale concorrenza.  Oggi abbiamo condiviso l’avvio di un discorso comune e posto le basi affinché si possa costituire un osservatorio sul settore e si possa creare, con il supporto delle istituzioni, un protocollo d’intesa che regolamenti gli aspetti che riguardano la sicurezza nei luoghi di  lavoro, l’ applicazione dei contratti, il  rispetto delle regole previdenziali”. Le parti hanno quindi condiviso di contrastare il processo di diffusione di contratti “pirata” per porre un freno a tutte le forme di  concorrenza che si giocano sul non rispetto di leggi e regole. “Nell’ambito di questo primo incontro – proseguono Cgil, Uil e Legacoop –  abbiamo insieme sostenuto l’importanza di una ripresa della contrattazione di secondo livello con le aziende. Riteniamo che così  si possa riprendere un percorso negoziale per la stipula dei contratti di secondo livello, nell’alveo delle regole interconfederali”.

Newcoop pronta a contrattazione di secondo livello

L’azienda di logistica Newcoop, presente all’incontro, ha dato disponibilità immediata alla ripresa della trattative  per la negoziazione di un accordo di secondo livello. “Auspichiamo che  che ciò possa avvenire nei prossimi giorni in maniera unitaria – aggiungono Cgil, Uil e Legacoop – Questo settore è in grande crescita e ha bisogno di una regolamentazione. Il recapito merci con i corrieri è utilizzato da tutte le aziende della  grande distribuzione: tutti ormai si appoggiano ai grossi poli logistici per le spedizioni.  Bisogna ottenere che le  leggi, le regole, i contratti  e gli accordi confederali sottoscritti da Cgil, Cisl, Uil e dalle associazioni dei  datori di lavoro  vengano rispettati per promuovere la legalità del settore e la sana concorrenza tra le imprese. I punti al centro di questa vertenza sono due: il contrasto dell’applicazione di contratti che prevedono elementi di distorsione della concorrenza, con minimi salariali e condizioni normative non in linea con quanto previsto dai contratti sottoscritti dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative. E la regolamentazione degli appalti e delle esternalizzazioni, per evitare la parcellizzazione infinita del lavoro e la competizione spasmodica al massimo ribasso”. 

Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
250FollowerSegui
- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultimi Articoli