fbpx

Messina, i medici di famiglia spengono le luci per protesta: “Siamo ignorati”

La Federazione italiana dei medici di medicina generale aderisce alla manifestazione “Accendi le candele” per richiamare l’attenzione del Governo sui mancati ristori e provvedimenti per il caro energia

Anche a Messina arriva la protesta nazionale dei medici di famiglia: oggi, giovedì 15 dicembre a partire dalle 17 gli studi spegneranno le luci e accenderanno le candele, come in tutta Italia, per richiamare l’attenzione della politica nei confronti delle attività della medicina generale che è un’impresa a tutti gli effetti, seppure il Governo l’ha dimenticata negli aiuti per la crisi energetica. “Nella provincia di Messina aderiranno circa il 70 per cento dei medici di medicina generale – afferma Aurelio Lembo, segretario provinciale della Fimmg, il più importante sindacato della categoria – a livello nazionale abbiamo deciso di non ricorrere a sistemi radicali dato anche il momento di picco dell’influenza stagionale e recrudescenza della pandemia; sono prevalso senso di responsabilità verso i cittadini e gli assistiti”.

“Esclusi anche dal decreto Aiuti quater”

Secondo Fimmg “ancora una volta la medicina di famiglia viene ignorata nei provvedimenti in discussione a sostegno delle imprese e degli studi professionali per sopperire ai costi del caro energia e dell’inflazione”. “Oltre ad essere stata dimenticata nei decreti dedicati al ristoro dei dipendenti pubblici – prosegue Lembo – per i quali è stata prevista un’indennità una tantum nel 2023 come anticipo sul prossimo contratto pari all’1,5 per cento dello stipendio – la nostra categoria è stata esclusa anche dai provvedimenti del decreto legge Aiuti quater”. Per queste ragioni i medici hanno deciso di dare un segnale con gli studi “a lumicino”: “Accendiamo le candele prima che la medicina generale si spenga e con lei il Ssn”. Il medico di famiglia è a tutti gli effetti un libero professionista convenzionato, assimilabile ad una piccola impresa; e come tale, tutti gli oneri di gestione del proprio studio professionale sono a suo carico, senza poter adeguare le tariffe delle proprie prestazioni, come fanno le altre aziende, ai costi sostenuti essendo un servizio pubblico regolamentato da una convenzione – peraltro ferma al 2018 – con il Servizio Sanitario Nazionale.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli