fbpx

Milo celebra la figura di Battiato a due anni dalla comparsa

Dal 18 al 20 maggio seminari, musica, arte e meditazione, momenti organizzati dal Centro Studi di Gravità Permanente, in collaborazione con il Comune e la Pro Loco di Milo, e con il patrocinio dell’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana

Nel secondo anniversario della scomparsa di Franco Battiato, Milo (in provincia di Catania) torna a celebrare il suo figlio più illustre con una tre giorni, dal 18 al 20 maggio, densa di appuntamenti, tra mostre, incontri, spettacoli di danza, momenti di meditazione e di riflessione. La rassegna, denominata “Franco Battiato: le radici dell’essenza”, è organizzata dal Centro Studi di Gravità Permanente, in collaborazione con il Comune e la Pro Loco di Milo, e con il patrocinio dell’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e dell’Assemblea regionale siciliana. “Anche nel secondo anniversario dalla sua scomparsa, il Comune di Milo vuole onorare la memoria di Franco Battiato – dichiara il sindaco di Milo, Alfio Cosentino – che ha dato tanto alla nostra comunità, dal punto di vista artistico ma soprattutto umano. È nostro dovere, quindi, restituire una piccola parte di quanto ricevuto. E vogliamo farlo, anche quest’anno, cercando di raccontare le tante sfaccettature di questo grande artista, soprattutto gli aspetti più intimisti. Ringrazio per la preziosa collaborazione – conclude – il Centro Studi di Gravità Permanente e la Pro Loco di Milo e, per il patrocinio, l’assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e l’Ars”. 

Viaggio nella sfera spirituale e intima dell’artista

Anche quest’anno la manifestazione si propone di esplorare e rievocare la sfera più spirituale ed intima dell’artista, attraverso i molteplici linguaggi artistici di cui è stato straordinario interprete. “Queste giornate – spiega Fiorella Nozzetti, presidente del Centro Studi di Gravità Permanente – sono dedicate a ciò che ha incuriosito e ha formato, nel corso della vita, Franco Battiato. Lui si è abbeverato a tante fonti. La sua formazione artistica e interiore è derivata da tutti i percorsi che ha intrapreso: Gurdjieff, lo yoga, il buddhismo tibetano e tanto altro. Si è abbeverato ovunque ci fosse qualcosa finalizzato alla crescita”. La kermesse si aprirà giovedì 18 maggio, di mattina, alle ore 7 e 30, con un intenso momento dedicato alla meditazione e alla preghiera delle diverse confessioni. Alle 10 e 30, nel Centro Servizi ‘Cav. Salvatore Arcidiacono’, verrà inaugurata una mostra di pittura realizzata dai ragazzi del Consorzio Siciliano di Riabilitazione insieme agli alunni del Liceo Artistico ‘Emilio Greco’ di Catania. Nel pomeriggio si susseguiranno una serie di incontri nel Centro Servizi “Cav. Salvatore Arcidiacono”. In serata la presentazione del libro “Battiato. Una ricostruzione sistematica. Percorsi di ascolto consapevole”, curata dall’autore Vincenzo Greco.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli