fbpx

Leontinoi, lo scanner potrebbe far scoprire un teatro sepolto

Festa ellenica: nuovi appuntamenti con la grecità e il teatro e la presentazione del progetto, finanziato dal Pnrr, per restituire a una moderna fruizione quest’area verde costellata di villaggi preistorici, templi greci, castelli e chiese rupestri

Torna la Festa ellenica nel Parco di Leontinoi e Megara, tra nuovi appuntamenti con la grecità e il teatro e la presentazione del progetto, finanziato dal Pnrr, per restituire a una moderna fruizione quest’area verde costellata di villaggi preistorici, templi greci, castelli e chiese rupestri. Senza dimenticare poi la speranza di individuare, scannerizzando il sottosuolo, quel teatro che si cerca da anni, il più sognato dei monumenti, che, come ha affermato lo scorso anno l’archeologo Massimo Frasca, “è probabile che fosse collocato in un luogo scenografico”. “Le indagini di geofisica applicata da noi utilizzate, potrebbero consentire l’individuazione di strutture sepolte, come il teatro di Leontinoi di cui si parla, e raccogliere su di esse, in modo non invasivo, informazioni preziose per gli archeologi”, ha confermato Sebastiano Imposa, professore associato di Geofisica applicata dell’Università di Catania, che di recente, mediante indagini geofisiche, ha individuato in un’area dell’antica Akragas i resti di un muro ellenistico. Imposa darà il proprio contributo al Simposio che farà da anteprima, mercoledì 17 maggio alle 18.30 nel Complesso del Carmine di Carlentini, nel Siracusano, alla seconda edizione della Festa Ellenica, organizzata dal Circolo Leontinoi.

Riqualificazione del Parco grazie al Pnrr

Nel Simposio i sindaci di Carlentini Giuseppe Stefio e di Lentini Rosario Lo Faro – con loro ci sarà anche il primo cittadino di Augusta Giuseppe Di Mare – parleranno del Piano per la riqualificazione del Parco sotto il profilo della viabilità e di una più moderna fruizione, finanziato con tre milioni di euro del Pnrr. E che ha lo scopo, ha sottolineato l’archeologo Giuseppe Sanfilippo, “di restituire all’Umanità uno straordinario patrimonio fatto di antiche mura, un villaggio preistorico, un tempio greco, ben due castelli medioevali e un gran numero di chiese rupestri mentre continuiamo a cercare il teatro”. Nel Simposio – che si concluderà con una degustazione di pietanze della Grecia antica – si parlerà ancora dei recenti scavi e ritrovamenti da parte dell’Università di Roma Tor Vergata. E saranno premiati gli allievi delle scuole del territorio vincitori di un concorso di idee indetto dall’Archeoclub di Carlentini. Gli Istituti scolastici rappresentano uno dei perni della Festa Ellenica: giovedì 18 e venerdì 19 maggio, mille studenti seguiranno le rievocazioni storiche, gustando i cibi degli elleni e seguendo l’affascinante storytelling dell’associazione culturale I Cavalieri de li Terre Tarentine. Nel programma della Festa, anche appuntamenti culturali, l’Agoràdromos, una passeggiata che partirà dalla piazza Umberto di Lentini, e un’estemporanea di pittura.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli