fbpx

“Operazione Sipario”, un plauso con l’amaro in bocca

"La magistratura non ha scoperto nulla di così eclatante. Non si deve più essere disposti a tutto pur di essere eletti, pur di governare". Il contributo di Sara Fagone della Rete Piattaforma per Librino

L’ultima operazione di polizia, la cosiddetta “operazione sipario” a cui va tutto il nostro plauso, lascia non solo l’amaro in bocca ma proprio un grande senso di tristezza, impotenza e di fallimento.
Penso a Fabio, Giuliana, Arianna, Giusi, Alfio, Franca, Leandro, Giovanni, Maria Letizia, Franco, Enza, Adriana, Eleonora, Marilena, Piero, Ketty e potrei continuare ancora, la lista è davvero lunga.
Persone che hanno dato e continuano a donare il proprio tempo, la propria anima, per migliorare le condizioni fisiche e culturali di Librino quartiere dove risiedono o dove svolgono attività di volontariato. Persone oneste, piene di sogni, di volontà e di entusiasmo che talvolta vorrebbero provare a fare politica attiva ma purtroppo restano escluse da quei meccanismi di reclutamento dei vari partiti, di tutti i partiti. La domanda è sempre la stessa.

Quanti voti porti? Il ruolo dei Caf

“Quanti voti porti” questo importa, non importa chi sei, quanto hai lavorato e cosa fai di interessante, quali sono i tuoi ideali, cosa vorresti cambiare. No! Quanti voti porti.
E quindi ancora una volta non resta che prendere atto di questo maledetto “sistema” che non si riesce a scardinare. La maggior parte dei Caf nascono proprio per questo, arrivare alla candidatura del titolare dell’ufficio. Convincere le persone meno istruite che le pratiche istruite andranno a buon fine non perché l’utente ha diritto a quella specifica assistenza, ma perché loro sanno con chi parlare all’interno degli enti preposti ad erogare la prestazione e quindi si ha certezza della buona riuscita.
Questi titolari di Caf, si trovano poi davanti ai seggi elettorali con la lista dei “clienti” e il numero del seggio che via via spuntano, non appena la persona viene a votare. I numeri alla fine tornano sempre. Per non parlare degli eletti nelle circoscrizioni, spesso sono gli stessi operai che prestano attività lavorativa negli enti di pulizia e scerbamento, quegli stessi che vengono fotografati con i consiglieri o assessori di turno, e puntualmente vengono ringraziati pubblicamente per il lavoro svolto in quella tale via in quel tale angolo. Come se fosse un favore, come se non fossero pagati per questo…. Il messaggio che passa è davvero chiaro.

Clientelismo senza anticorpi

Che strumenti abbiamo noi comuni mortali? Perché la politica ormai si è ridotta ai numeri e non alle idee? Perché nei vari comunicati che ho letto si plaude solo alla magistratura e non c’è il minimo accenno alle responsabilità che ciascun partito ha?
La beffa è che dobbiamo pure sorbirci le ricette magiche per migliorare le condizioni delle periferie. Condizioni che loro per primi hanno contribuito a far nascere e continuare a crescere, alimentando quel sistema, attraverso assunzioni, nomine, quegli ingranaggi ormai così difficili da scalfire, lasciando sul territorio soldati senza armi con nemici molto più grandi e organizzati, con la criminalità, con la mafia.
Ho l’impressione che come per il Covid-19, pare non ci siano anticorpi, ma a differenza del Covid nessuno corre ai ripari cercando un vaccino.

Questione morale

La magistratura non ha scoperto nulla di così eclatante, queste cose le conosciamo tutti, soprattutto chi vive o lavora in questi quartieri. Si potevano aiutare gli inquirenti, che già di lavoro ne hanno abbastanza, se si fosse evitato di perseguire in questo sporco sistema decennale. Ci vuole solo un po’ di coraggio, questo si, quel coraggio politico che nessuno sa più cosa sia, quella “questione morale” che ormai sembra un termine desueto, senza più significato. Non si deve più essere disposti a tutto pur di essere eletti, pur di governare. Bisogna ascoltare davvero il territorio, rieducare al diritto, alla legalità. Educare con l’esempio. È un investimento che la politica deve necessariamente fare, e, come tutti gli investimenti i primi anni saranno in perdita, pazienza, il frutti si raccoglieranno più in là, ma si deve fare, di deve iniziare adesso, perché in ballo non c’è una piccola o grande carica politica, gestire un piccolo o grande potere, in ballo c’è il futuro e la credibilità delle nostra città.

Sara Fagone
Rete Piattaforma per Librino

Noi, i lettori
Noi, i lettori
Detto da voi è lo spazio dedicato ai lettori di FocuSicilia. Hai un'opinione, un'idea, un commento su quanto accade nella nostra società? Scrivi a info@focusicilia.it. Regole fondamentali: rispetto e buona educazione

Dello stesso autore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

To be updated with all the latest news, offers and special announcements.

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
392FollowerSegui
- Pubblicità -spot_img

Della stessa rubrica